Idee, eventi, persone che muovono la Sicilia - Balarm.it



INFOTOURIST
Aumenta carattere | Diminuisci carattere | Reimposta carattere
Società e Costume
Medicare Onlus lancia un'iniziativa di crowdfunding per le donne affette da tumori che devono sottoporsi alla chemioterapia. Obiettivo è l'acquisto di sei parrucche

"MedicHair": la raccolta siciliana per donne in chemio


di ELOISA ZERILLI 

letture 4360 Letture
commenta Commenta | stampa

 

La bellezza oltre la malattia: è il pay off di "MedicHair", un progetto di Medicare Onlus (Mediterranean Cancer Support Rehabilitation) sbarcato su Laboriusa, piattaforma siciliana di crowdfunding nata per raccogliere capitali di solidarietà online.

Una raccolta fondi nata in Sicilia, che vanta il supporto dalla consulenza tecnica specialistica del Centro Winner di Catania e che mira a sostenere le donne che stanno affrontando il difficile momento della chemioterapia.

Pe fare in modo che le pazienti della rete Medicare Onlus l'associazione si pone un obiettivo: l'acquistare almeno sei parrucche che verranno poi regalate alle pazienti che hanno perso i capelli, in modo che siano d'ausilio per le cure antitumorali.

In Italia sono oltre trentottomila le donne colpite ogni hanno da tumore mammario. Nonostante i progressi delle terapie abbiano aumentato le percentuali di sopravvivenza, l'impatto sulla vita di una donna è ancora troppo forte.

Così, "MedicHair" si pone come mezzo per mettere a proprio agio le donne che affrontano un momento difficile, con attenzione alla medicina e ai capelli: alla medicina come segnale del bisogno di cure, ai capelli come simbolo di bellezza, naturalezza ed eleganza.

Il costo totale del progetto è di mille euro: è possibile effettuare una donazione, anche minima, su Laboriusa (clicca qui per visualizzare la pagina delle donazioni). La cifra è il primo passo che conduce verso un percorso lungimirante.

Medicare Onlus intende infatti regalare alle pazienti anche la consulenza di stylist ed esperti di bellezza, che le aiutino a nascondere al meglio i segni lasciati dalle terapie, valorizzandone il loro aspetto fisico.

 
14 marzo 2016