Idee, eventi, personaggi e tendenze che muovono Palermo e la Sicilia | Balarm.it



INFOTOURIST
Tour di Palermo
CHIESE

Cattedrale di Palermo Cattedrale
Voluta dall’arcivescovo Gualtiero Offamilio, la Cattedrale fu eretta nel 1184 sotto il regno del re normanno Guglielmo II sul luogo dove sorgeva precedentemente una basilica trasformata in moschea dagli Arabi. Nel corso dei secoli l’edificio ha subito moltissimi cambiamenti tra cui i più radicali tra il 1781 e il 1801 ad opera di Ferdinando Fuga (croce latina, navate laterali, ali del transetto, cupola). La cattedrale inoltre conserva al suo interno le sepolture di Ruggero II, Enrico IV di Svevia, Costanza d'Altavilla e Federico II di Svevia oltre che la cappella di S. Rosalia e un tesoro costituito da numerosi oggetti preziosi.

Corso Vittorio Emanuele
Tel. 091 334376
Sito: www.cattedrale.palermo.it
Giorni feriali: 9.30-13.30/ 14.30-17.30
Giorni festivi: 7.30-13.30/ 16-19
*la visita turistica è consentita solo negli intervalli tra le celebrazioni turistiche.
Tesoro e cripta:
Da lunedì a sabato 9-17
domenica solo gruppi
biglietto € 2 (ridotto 1,50 per over 60)

 

Cappella PalatinaCappella Palatina
La cappella, divisa in tre navate con forma di basilica e dedicata a San Pietro, fu consacrata nel 1143 dopo 13 anni di lavori (partiti nel 1130, anno dell’incoronazione del re Ruggero II). Ubicata all’interno del Palazzo dei Normanni, essa rappresenta uno dei monumenti più significativi di Palermo. Le pareti, il pavimento, la cupola e le absidi sono completamente ricoperte da mosaici bizantini di bellezza straordinaria; l’immagine più interessante è certamente quella della cupola di forma semisferica (Cristo Pantocrator con gli angeli che lo circondano). Alla cappella è annesso il tesoro, sistemato nella cripta.

Ingresso da Piazza Indipendenza
Tel. 0917054317
Da lunedì a sabato: 8.30-12/ 14-17
Domenica e festivi: 8.30-14
Chiuso: lunedì di Pasqua - 25/4 - 1/5 - 26/12

 

Chiesa di Casa Professa
Si tratta della prima chiesa siciliana fondata dai Gesuiti, arrivati in Sicilia nel XVI secolo. L’edificio, la cui costruzione iniziò nel 1564, è stato arricchito nel corso del tempo di nuovi elementi e ha subito gravi danni con i bombardamenti del 1943; oggi la chiesa è stata completamente restaurata ed ha ripreso l’aspetto originale. Alla sobrietà della facciata si contrappone un interno ricco e fastoso, chiara espressione dell’arte barocca siciliana, e costituito da stucchi, marmi, sculture e pitture di ogni tipo. Della chiesa fanno parte anche il portale e il chiostro, attraverso cui si può accedere alla Biblioteca Comunale di Palermo.

Piazza Casa Professa 21
Tel. 091 6076111
Da lunedì a domenica 7-11.30/17-18.30 Pomeriggio chiuso in agosto
*la visita turistica non è consentita durante le funzioni.

 

Chiesa della Magione
Situata a ridosso di Piazza Magione e denominata anche Santissima Trinità, la Chiesa della Magione fu fondata nel 1191 da Matteo Ajello e solo nel 1197 fu ceduta ai Monaci Teutonici, cacciati poi nel XI secolo. Nel 1786 fu dichiarata dal re normanno Ferdinando I commenda dell’ordine costantiniano di San Giorgio. Danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, la chiesa, di origini normanne, oggi è stata restaurata completamente e vi si può facilmente accedere attraverso un portale barocco e un cortile particolarmente suggestivo. Sulla sinistra i resti del chiostro.

Via Magione 44 Tel. 091 6170596
Da lunedì a domenica 9.30-18.30
*la visita turistica non è consentita durante le funzioni.

 
Chiesa di Sant’Agostino
Situata all’incrocio con Via Maestri dell’Acqua, la Chiesa di Sant’Agostino è stata realizzata nel XIII secolo e ha subito nel corso dei secoli una serie di modifiche e aggiunte (la facciata, il portale gotico e il rosone) in alcuni casi per l’intervento delle famiglie Sclafani e Chiaramonte .L’interno, costituito da un’unica navata, è stato completamente restaurato nel 1671 e contiene, oltre a dipinti di notevole interesse una ricca decorazione a stucchi del Serpotta.

Via Sant'Agostino Tel. 091 584632
Da lunedì a sabato 7-12 /16-18 domenica e festivi 7-12
 
San CataldoSan Cataldo e San Caterina
In Piazza Bellini è possibile ammirare altre due chiese oltre la Martorana: la Chiesa di San Cataldo, fondata nella seconda metà del XII secolo dall’ammiraglio Majone di Bari, e la Chiesa di Santa Caterina, fondata alla fine del XVI secolo. La Chiesa di San Cataldo conserva le strutture architettoniche originarie tipicamente normanne grazie soprattutto ai restauri che nel 1882-1885 sono stati diretti da Giuseppe Patricolo; l’interno, costituito da tre navate, è spoglio ma proprio questa nudità risulta essere particolarmente suggestiva. La Chiesa di Santa Caterina, quasi sempre chiusa al pubblico se non in occasioni speciali, con le sue ampie scalinate e la sua facciata tardo-rinascimentale risulta particolarmente affascinante.

Piazza Bellini
San Cataldo Da lunedì a sabato: 9.30-12.30 domenica chiuso ingresso € 1,00
 

La MartoranaLa Martorana
(Santa Maria dell’Ammiraglio)

La chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio o della Martorana fu fondata nel 1143 dall’ammiraglio di Ruggero II, Giorgio d’Antiochia e fu poi accorpata a partire dal XV secolo al monastero benedettino di Eloisa Martorana (da cui il nome). Nel corso del tempo l’edificio ha subito una serie di modifiche e aggiunte che hanno stravolto l’aspetto originario della chiesa; in particolare per ingrandire la chiesa è stata demolita la facciata frontale e successivamente è stato abbattuto l’abside per creare l’attuale presbiterio mentre il campanile, il corpo della chiesa e la cupoletta non hanno subito particolari modifiche.

Piazza Bellini Tel. 091 6161692
Da lunedì a sabato 8-13 /15.30-17.30 domenica e festivi 8.30-13

 

San DomenicoSan Domenico
Ubicata nella Piazza omonima, la Chiesa di San Domenico fu fondata nel 1640 su una chiesa precedente, seguendo gli schemi del barocco, anche se solo nel 1726 fu aggiunta l’attuale facciata (dopo la realizzazione della piazza circostante costruita anche grazie a Carlo VI). L’interno, a tre navate, contiene sepolcri di personaggi siciliani importanti, oltre che statue e dipinti di grande valore. Alla sinistra il Chiostro della chiesa che ospita il Museo del Risorgimento.

Piazza S. Domenico Tel. 091 329588
Da lunedì a domenica: 9-11.30 sabato e domenica anche 17-19

 
San Francesco D’Assisi
Fondata nella seconda metà del XIII secolo per l’ordine mendicante dei Francescani, la Chiesa di San Francesco D’Assisi è situata in Piazza San Francesco nel centro storico di Palermo. L’edificio ha subito una serie di modifiche nel corso del tempo ed è stato pesantemente danneggiato dai bombardamenti del 1943 anche se i restauri successivi lo hanno riportato al suo aspetto originario. Di particolare interesse artistico sono il portale gotico con il rosone e le opere scultoree e pittoriche che si trovano all’interno della struttura e in particolare quelle di artisti importanti come Giacomo Serpotta, Novelli, Laurana e Gagini.

Piazza San Francesco Tel. 091 582370
Da lunedì a domenica 7-12/16-18.30
 

San Giovanni degli EremitiSan Giovanni degli Eremiti
Si tratta di uno dei più famosi monumenti realizzati a Palermo in epoca normanna, la cui costruzione fu voluta da Ruggero II nel 1136. Realizzata sulla base dell’influenza musulmana (struttura “a qubba” tipicamente araba) la Chiesa di San Giovanni degli Eremiti fu restaurata nel XIX secolo dall’architetto Patricolo. L’edificio, costituito da una sola navata, è adiacente ad un’altra struttura pre-esistente del X secolo e si accompagna ad uno splendido chiostro normanno.

Via dei Benedettini Tel. 091 6515019.
Da lunedì a sabato 9-19 domenica e festivi 9-13
Biglietto ingresso € 4,50 Biglietto ridotto (18-25 anni) € 2 Biglietto gratuito (minorenni e over 60)

 

San Giovanni dei Lebbrosi
La Chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi è una delle più antiche costruzioni normanne della città di Palermo. Iniziata nel 1071 per volontà di Ruggero I, la costruzione dell’edificio fu portata a compimento solo nel secolo successivo con l’annessione di un lebbrosario. La struttura inoltre sorge all’interno di un giardino di palme che rende l’ambiente molto suggestivo ed è stata sottoposta ad una serie di restauri soprattutto nel corso del XX secolo.

Via Cappello 38
Tel. 091 475024
Da lunedì a sabato 9.30-11 /16-17

 

San Giuseppe dei Teatini
Progettata dall’architetto teatino Giacomo Besio, la chiesa di San Giuseppe dei Teatini è stata fondata nella prima metà del XVII secolo proprio per l’ordine dei teatini. Una delle facciate dà sui “Quattro Canti” di Palermo, luogo particolarmente affascinante della città. Sormontata da una cupola, la chiesa presenta inoltre un interno particolarmente suggestivo che trae la sua grandiosità soprattutto dalle colonne monolitiche di Billiemi che dividono le tre navate che costituiscono la struttura.

Corso Vittorio Emanuele Tel. 091 331239
Sito: www.sangiuseppeteatini.arcidiocesi.palermo.it
Da lunedì a sabato 7.30-12 /17.30-20 domenica e festivi 8.30-13/18-20.30

 

Santa Maria della CatenaSanta Maria della Catena
Innalzata nei primi anni del XVI secolo, la Chiesa di Santa Maria della Catena è situata verso la cala su un piano rialzato attraverso un’ampia gradinata. È uno straordinario esempio di arte gotico-catalana mescolata ad elementi rinascimentali che deriva il suo nome dalla catena che un tempo chiudeva la Cala, ovvero l’antico porto di Palermo. L’ingresso è preceduto da un portico costituito da tre archi mentre all’interno si trovano da una serie di opere interessanti.

Piazzetta delle Dogane angolo con Corso Vittorio Emanuele
Tel. 091 321529
Da lunedì a venerdì 9-12

 

Chiesa della Gancia (Santa Maria Degli Angeli)
Fondata nel XVI secolo, la Chiesa degli Angeli sorgeva originariamente come ospizio per i monaci mendicanti francescani. Nonostante le modifiche apportate nel tempo oggi è possibile ammirarla in tutto il suo splendore. Di particolare interesse artistico sono il portale gotico e gli stucchi del Serpotta all’interno dell’edificio mentre di rilevanza storica è certamente la “buca della salvezza”, sul lato esterno del transetto.

Via Alloro 27 Tel. 091 6165221
Da lunedì a sabato 9.30-12/15-18 domenica 10-12.30

 

Chiesa di Santo Spirito
Situata all’interno del cimitero di Santa Orsola, la Chiesa di Santo Spirito (detta anche “del Vespro”) fu fondata nel 1178 sotto il regno del re normanno Guglielmo II per volere dell’arcivescovo Gualtiero Offamilio. Particolarmente interessante da un punto di vista storico oltre che artistico, l’edificio fu il luogo da cui partì il 31 marzo 1282 la rivolta palermitana dei Vespri contro gli Angioini (la cui causa scatenante fu l’offesa arrecata ad una donna siciliana da parte di un soldato francese).

Presso il Cimitero Sant'Orsola
Tel. 091 422691
Da lunedì a domenica 8-14 mercoledì chiuso in agosto

 

Chiesa di Santa Teresa
Ubicata in Piazza della Kalsa, la Chiesa di Santa Teresa è una delle più importanti testimonianze del barocco a Palermo. Con la sua ampia facciata l’edificio sovrasta la piazza adiacente rendendola particolarmente suggestiva. Costruita tra il 1686 e il 1706 da Giacomo Amato, la chiesa deve inoltre il suo splendore agli stucchi decorativi del Serpotta presenti all’interno della costruzione.

Piazza Kalsa
Tel. 091 6171658
Da lunedì a domenica 8-11./16.30-18 Giovedì mattina chiuso

 

Santuario di Santa Rosalia
Realizzato nel 1625, il Santuario di Santa Rosalia si trova a 429 metri di altezza su Monte Pellegrino ed è costituito da un convento e dalla grotta (profonda 25 metri) in cui furono rinvenute, dopo quattro secoli, le ossa della santa. Secondo la leggenda fu proprio grazie a questo ritrovamento che Palermo fu salvata dalla peste che dilagava nella città. A partire da quel momento il culto della “Santuzza”, diventata patrona di Palermo, si è intensificato manifestandosi in particolare, oltre che con i pellegrinaggi, con il “Festino di Santa Rosalia”, che si tiene ogni anno a metà luglio richiamando una grandissima folla di fedeli o semplici curiosi.

Piazza del Santuario (Monte Pellegrino)
Tel. 091 540326
Da lunedì a domenica 7-19 Grotta chiusa 12.30-14.30