TELEVISIONE

HomeMagazineCultura

Come lui non c'è nessuno: parla della Valle dei Templi ed è più seguito dei Mondiali

Alberto Angela ha inaugurato il suo nuovo programma Tv "Meraviglie": un viaggio in dodici tappe, tra cui Agrigento, tra arte e bellezze naturali e siti Unesco

Balarm
La redazione
  • 8 gennaio 2018

Alberto Angela

Con 5 milioni e 662mila spettatori e uno share del 23,8% Alberto Angela ha conquistato l'Italia della Tv: il giovane incantatore è infatti tornato nelle case degli italiani in prima serata con "Meraviglie": un viaggio alla scoperta di dodici meraviglie nazionali.

Si tratta di un viaggio che è partito giovedì 4 gennaio e che continua per i prossimi tre mercoledì in prima serata su Rai1: dodici tappe per un itinerario tra arte e bellezze naturali nei siti riconosciuti dall'Unesco come patrimonio dell'umanità (l'Italia è la nazione che ne ha di più al mondo: 53 contro i 52 dell'intera Cina).

Alberto Angela ha viaggiato molto, per lavoro e per passione, per tutto il mondo e commenta «Nessun luogo può essere paragonato alla ricchezza culturale, alla magnificenza artistica e alla generosità dell'Italia e degli italiani che, possiamo dirlo, hanno un peccato inverso: quello di non vantarsi mai abbastanza del loro patrimonio».

Allora si va da Agrigento a Siena e da Tarquinia a Milano, con Angela che intanto racconta le imprese di artisti, urbanisti, mecenati e artigiani e, la prima puntata del nuovo show, si è appunto conclusa ad Agrigento.

Il viaggio vede protagonisti luoghi riconosciuti come siti Unesco ma anche posti meno noti e scorci che pur non essendo inseriti nel patrimonio immateriale e materiale lo meriterebbero.

«Un viaggio che ci rende orgogliosi di quello che siamo e quello che abbiamo - commenta ancora Alberto Angela - una grande produzione arricchita da ospiti d'eccezione come Riccardo Muti, Andrea Bocelli, Andrea Camilleri, Toni Servillo, Uto Ughi, Paolo Conte, Gianna Nannini, Monica Bellucci» che lo accompagneranno per i luoghi.

La prima puntata ha preso le mosse dall'opera di un genio simbolo della creatività nazionale: il Cenacolo di Leonardo da Vinci e si è conclusa in Sicilia, nella Valle dei Templi, da sempre meta dei viaggiatori, compresi gli artisti del Grand Tour, che si spostavano alla ricerca dell'arte e della cultura della Magna Grecia.

Tra le rovine e il Tempio della Concordia, ancora oggi intatto e maestoso, «Abbiamo ripercorso la storia di una civiltà antica di 2500 anni alla quale deve tanto la nostra cultura. Andrea Camilleri - continua Angela - con i suoi ricordi da adolescente ha mostrato di quanta storia, anche recente, è stata testimone questa valle. Da ragazzino, in bicicletta, corse a vedere se la valle era stata distrutta dai bombardamenti, trovò un militare che cercava l'angolazione perfetta scuotendo la testa... dopo un po' si misero a parlare, quindi gli scrisse il suo nome su un foglietto... era Robert Capa, il più grande fotoreporter di guerra del mondo».

Meraviglie è una produzione che, come i precedenti eventi di Alberto Angela su Rai1, si avvale della tecnologia 4K HDR, spettacolari riprese con droni, effetti speciali, minifiction, tutto al servizio di una grande operazione culturale di Rai1.

articoli recenti