TELEVISIONE

HomeMagazineCultura

La musica dell'Aeroporto di Palermo protagonista di un documentario giapponese

Dal 14 al 18 settembre le telecamere di NHK sono all'Aeroporto Falcone e Borsellino di Punta Raisi per riprendere e ascoltare la "vera voce" dei musicisti in viaggio

  • 12 settembre 2017

La televisione giapponese NHK sceglie Palermo come centro internazionale della musica per registrare un documentario concentrando l'attenzione sul pianoforte e sulle storie uniche e personali che i viaggiatori raccontano tramite lo strumento situato nella sala imbarchi dell'Aeroporto Falcone e Borsellino.

Per cinque giorni, dal 14 al 18 settembre tra le 8 e le 20, la NHK riprende e ascolta tramite due minicamere poste proprio sul pianoforte tutti coloro che vorranno esibirsi, intonare una melodia, mettersi a nudo o fare spettacolo.

C'è spazio per tutti: musicisti professionisti, neofiti, amatori, talenti naturali e talenti incompresi, purchè l'intento di chi suona sia sempre quello di mostrare la sua "vera voce".

Storie, idee, sensibilità, modi di fare, culture e i suoni dei paesi d'origine dei viaggiatori-musicisti, veicolati attraverso le note del pianoforte dell'aeroporto Internazionale Falcone e Borsellino saranno infatti registrati e trasmessi nel paese del Sol Levante.

Un modo per portare un piccolo assaggio della musica di Palermo, ma anche di tutto il resto del mondo, fin dentro le case degli spettatori giapponesi: tutti i generi musicali sono ammessi, dalla classica al rock, ma si accettano volentieri crossover e sperimentazioni. Sarà possibile inoltre lasciare un messaggio, segnalare il titolo della canzone o una piccola descrizione.

La radicata cultura musicale giapponese permette oltremodo di vedere l'iniziativa come un'ulteriore riprova dell'amore e dell'apprezzamento per la musica italiana nel mondo, ma anche della volontà di porre l'attenzione sulle mille sfaccettature del carattere che ogni individuo è in grado di esprimere "semplicemente" facendo musica.

A volte per conoscere davvero una persona e la sua storia è sufficiente ascoltarla suonare.

articoli recenti