INNOVAZIONE

HomeMagazineTerritorio

Palermo nel futuro: addio burocrazia e code negli uffici con il sistema di identità digitale

Prenotazioni sanitarie, iscrizioni scolastiche, pratiche d'impresa, i pagamenti di tasse e multe: ecco come ottenere l'identità digitale se vivi nel Comune di Palermo

  • 31 luglio 2017

È attivo dal 20 febbraio il sistema "Spid" (Sistema Pubblico di Identità Digitale) che permette a ogni cittadino di avere una vera identità digitale con la quale il rapporto con la pubblica amministrazione è davvero semplificato.

Che significa? Spid è un sistema nato per consentire sia al singolo che alle imprese di accedere ai servizi pubblici online, quindi addio code negli uffici, telefonate, traffico e soprattutto addio burocrazia.

Per ottenere questa identità digitale basta seguire le indicazioni sulla pagina dedicata del sito del Governo e sarà necessario fornire i dati anagrafici, il documento di identità, un recapito telefonico, indirizzo di posta elettronica e domicilio fisico o digitale a una delle molteplici società accreditate a tale operazione.

Poi, con un solo nome utente e una sola password diventa possibile accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione di tutta Italia da qualsiasi luogo e attraverso qualsiasi dispositivo: smartphone, pc e tablet.

Si possono fare prenotazioni sanitarie, iscrizioni scolastiche, pratiche d'impresa, i pagamenti delle tasse e le multe per le violazioni al codice stradale: si potrà eleggere la PEC come domicilio digitale per le notifiche dell'Amministrazione comunale, così come previsto dall'ultima versione del Codice dell'Amministrazione Digitale.

Un vero e proprio strumento per risolvere tutti i "problemi" quotidiani e bypassare enormi trafile burocratiche senza dovere tenere a mente decine di password: oltre a quelli succitati, il servizio consente anche di accedere a tutti i servizi anagrafici, agli sportelli telematici, servizi postali, denunce di infortunio, il ritiro di referti medici e altro ancora.

L'AgID (agenzia per l'Italia digitale) assicura comunque la totale protezione dei dati personali, incedibili a terzi senza autorizzazione e senza alcuna profilazione degli stessi.

L'attivazione operativa di SPID, si unisce al già esistente servizio di pagamento elettronico della TARI (attivo fino a dicembre 2018) e delle sanzioni per violazioni al Codice della Strada, che è possibile effettuare nella piattaforma istituzionale, grazie all'adesione del Comune di Palermo al sistema nazionale PagoPA.

SPID, PagoPA, e i lavori in corso da parte dell'Amministrazione in collaborazione con la SISPI per la migrazione, entro il 2018, dell'Anagrafe locale della popolazione all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), contribuiscono all'attuazione concreta dell'Agenda Digitale del Comune di Palermo, in ottemperanza al "Piano Triennale dell'Informatica per la Pubblica Amministrazione 2017-2019" redatto dall'AgID e al quale tutte le Pubbliche Amministrazioni sono tenute ad adeguarsi.

articoli recenti