LA MANIFESTAZIONE

HomeMagazineTerritorio

Al via "La scuola adotta la città": aprono 8 nuovi luoghi

Torna "La scuola adotta la città", con iniziative in programma fino al 21 maggio: sono novanta i monumenti in adozione e centoventuno i soggetti adottanti

Martino Giordano
Collaboratore di Balarm
  • 16 marzo 2017

Novanta monumenti adottati, venti quartieri coinvolti e centoventuno soggetti coinvolti, fra cui centocinque scuole, quindici associazioni e la quarta circoscrizione: ritorna l'appuntamento con "Panormus. La scuola adotta la città": la manifestazione inserita all'interno di "Palermo apre le porte" è in programma dal 24 marzo al 21 maggio.

Come per le passate edizioni, anche quella del 2017 avrà come protagonisti gli studenti liceali di Palermo, che si occuperanno di dare nuova vita ad un monumento cittadino poco conosciuto o relegato ad uno stato di inattività. 

Al centro dei progetto, i ragazzi dei licei palermitani, protagonisti della cerimonia di apertura della manifestazione che si svolgerà sabato 18 marzo alle ore 9 tra piazza Bellini e piazza Pretoria, che sarà accompagnata dalla musica della piccola corale della scuola elementare "Orestano"  e alla corale dell'Orchestra Sinfonica Quattro Canti.

Il progetto prevede cinque diverse tipologie di adozione: "La scuola adotta il quartiere", "La scuola adotta l'arte", "La scuola adotta la città accogliente", "La scuola adotta la città nascosta", "La scuola adotta il Palazzo di Città". Tema dell'edizione di quest'anno saranno i valori di comunità, dell'abbattimento dei confini e del viaggio.

Nello specifico le date delle adozioni sono il 24, 25 e 26 marzo per i monumenti del mandamento Palazzo Reale, 31 marzo, 1 e 2 aprile per i monumenti del mandamento Monte di Pietà, 21, 22, 23 aprile e 12, 13, 14 maggio per le adozioni di quartiere, 5, 6, 7 maggio per i monumenti del mandamento Castellamare, 19, 20 e 21 maggio dedicate al mandamento Tribunali.

Quest'anno sono stati adottati otto nuovi monumenti: la Chiesa di Santa Maria del Soccorso, la Chiesa di Santa Maria del Piliere, il Padiglione Liberty dell'Ospedale Albanese, il Complesso Monumentale di Sant'Agostino, il Centro Padre Nostro, la Chiesa dei Quattro Coronati, la Chiesa di San Giacomo dei Militari all'interno della Caserma Dalla Chiesa e la Chiesa di San Giacomo dei Militare a corso Pisani.

Il manifesto che sintetizza i valori dell'iniziativa è stato ideato e disegnato dalla studentessa Claudia Maraventano, della IV H del Liceo artistico Damiani Almeyda: «Ho voluto rappresentare quello che per me significa questo evento. Un'esperienza che ci rende uniti e ci fa conoscere meglio la città», ha detto la studentessa.

«La scuola adotta la città è un ponte tra i giovani e la cultura - ha dichiato il Sindaco Leoluca Orlando - questa città cambia se si sviluppa la capacità di conoscere e apprezzare le bellezze noste e quelle che ci appartengono».

articoli recenti