PERSONAGGI

HomeMagazineLifestylePersonaggi

Il coraggio di rialzarsi per amore del figlio: chi è il palermitano ai fornelli di Masterchef

Genovese, che di professione fa il bancario a Palermo, dove vive, ha una storia che spiega molto bene il suo approdo al talent in onda in queste settimane su Sky

Balarm
La redazione
  • 1 gennaio 2021

Francesco Genovese, il concorrente palermitano di Masterchef 10

Gli occhi raccontano, ancor più delle parole, ed emozionano. Anche le persone che quegli occhi li incrociano per la prima volta.

Francesco Genovese, palermitano alla soglia dei sessant’anni, ha convinto i giudici di MasterChef 10 - il talent che seleziona le promesse dei fornelli - da qualche settimana in onda si Sky e NowTV, con le sue capacità in primis ma anche per il suo essere una “bella persona”.

Da quando la trasmissione ha preso il via, infatti, il papà palermitano si è fatto notare, per le sue ricette e non solo.

Dietro ogni volto, e ogni piatto, c’è sempre una storia che - scusate il gioco di parole - fa da contorno a tutto il resto, ma di certo non è irrilevante.

Francesco, che di professione fa il bancario a Palermo, dove vive, ha una storia che spiega molto bene il suo approdo a MasterChef 10. Di lui si legge, nella scheda redatta per ciascun concorrente, che ha un bellissimo rapporto con il figlio Enrico, con il quale vive, e per il quale - ha dichiarato in altre circostanze - ha imparato a metter mano ai fornelli con grande amore.



La cucina, infatti, è solo l’ultimo, in ordine di tempo, tra i suoi hobby che con passione coltiva, insieme allo scrivere e alla cura delle piante. A spingere, suo malgrado Francesco Genovese, a “smanettare" tra i fornelli è stata, purtroppo, la prematura scomparsa della moglie.

Da piccolo quasi nemmeno metteva piede in cucina, ma poco alla volta, ha iniziato a mettersi ai fornelli sperimentando le ricette tipiche della sua Palermo, per amore del figlio Enrico.

Nel tempo ha imparato ad ampliare lo sguardo curando la ricerca degli ingredienti e imparando le regole, molto precise, per apparecchiare a regola d’arte una tavola.

Il suo percorso a MasterChef è iniziato con la videochiamata dello chef Antonino Cannavacciuolo che lo convocava ufficialmente per le selezioni.

Genovese è rimasto a bocca aperta a questa chiamata e, accettando, visibilmente emozionato, ha chiesto al giudice la promessa di una delle sue famigerate pacche, una volta in studio.

Ai “live cooking” Francesco ha sorpreso tutti i giudici (con Cannavacciuolo sono presenti anche in questa edizione Bruno Barbieri e Giorgio Locatelli) grazie ai suoi sapori caserecci e genuini, che gli hanno permesso di conquistarsi il fatidico grembiule bianco.

La preselezione finale l’aspirante cuoco palermitano l’ha superata realizzando degli involtini di scarola che gli hanno spalancato le porte del talent show.

Da quando il programma va in onda, ogni giovedì sera, Genovese si sta facendo conoscere e notare anche dal pubblico a casa che nelle pagine dei social del talent riporta commenti di stima e apprezzamento per il bancario palermitano che, oltre alle sue doti che verranno valutate dai giudici, sta dimostrando che ciò che conta nella vita è trovare il coraggio di rialzarsi, cercando nuove risorse anche nei momenti più bui.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI