MOSTRE
HomeEventiMostre

"Diorami - Meraviglie Botaniche in 8 Atti": la mostra (diffusa) all'Orto Botanico di Palermo

  • Orto Botanico - Palermo
  • Dal 30 agosto al 5 novembre 2023 (evento concluso)
  • Visitabile dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 19.00, la domenica dalle 10.00 alle 19.00
  • 7 euro (ingresso compreso nel biglietto di accesso all'Orto)
  • Maggiori info sul sito web di Diorami, sulla pagina Facebook dell'Orto Botanico o via mail ortobotanico.palermo@coopculture.it o chiamando lo 0917489995
Balarm
La redazione

DIORAMI Meraviglie botaniche in 8 atti

Proseguono le attività culturali dell’Orto Botanico di Palermo, il giardino tropicale cittadino, grazie ai progetti voluti dal SiMuA, il Sistema Museale d’Ateneo.

Diorami_Meraviglie Botaniche in 8 Atti, è il progetto artistico della giornalista Francesca Berardi e del fotografo Alessandro Sala, a cura di Maria Chiara Di Trapani, commissionato dal SiMua dell'Università di Palermo, è risultato vincitore del PAC2021 - Piano per l’Arte Contemporanea, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Protagonisti di questo percorso espositivo sono 8 specie vegetali caratteristiche del paesaggio naturale, sociale e culturale siciliano, individuate con la collaborazione scientifica dell'Orto Botanico dell'Università di Palermo.

Si presenta al pubblico un percorso espositivo multimediale diffuso tra gli spazi del Padiglione Tineo e gli spazi esterni in una sintesi di immagini narrazioni audio, suoni immersivi e installazioni ambientali.
Adv
Un tour botanico che parte dal grande Ficus macrophylla f. columnaris che conduce il visitatore attraverso il paesaggio e la biodiversità siciliana rappresentata: dalla palma nana (Chamaerops humilis), capace di sopravvivere al fuoco degli incendi e tornare a germogliare e popolare il territorio della Riserva Naturale dello Zingaro.

Dagli agrumi (Citrus sinensis) coltivati all'interno dei giardini panteschi; dal mandorlo (Amygdalus communis) del Giardino della Kolymbetra; proseguendo con la presenza secolare del carrubo (Ceratonia siliqua) che scandisce il paesaggio rurale degli Iblei; le odorose e curative erbe spontanee (Salvia officinalis), timo ( Thymus vulgaris) e rosmarino( Rosmarinus officinalis) che inebriano l'aria della Val di Noto.

I fusti svettanti del Papiro (Cyperus papyrus) che cresce alla fonte del fiume Ciane; terminando il percorso alla presenza ieratica del monumentale Leccio o Elce (Quercus ilex), nel Parco dell'Etna.

Le composizioni fotografiche di Alessandro Sala appaiono come un teatro che mette al centro le piante,abitato dalle voci e dai suoni della narrazione audio in formato podcast di Francesca Berardi che ha combinato stile documentario e fiction, mettendosi nei panni di una genius loci. Immagini e suoni danno risalto e condividono storie di resilienza naturale ed umana.

Le specie vegetali selezionate rappresentano esemplari di forza resiliente, in grado di fronteggiare situazioni estreme come fuoco, siccità, aridità di suolo, trasformazioni agricole, cementificazione senza controllo e disastri ambientali causati dall' uomo.

Ogni albero è raccontato attraverso le testimonianze di botanici, agronomi, intellettuali, attivisti del paesaggio, che hanno scelto di dedicarsi con impegno quotidiano alla difesa di queste preziose esistenze vegetali.

Sentiremo le voci di Manlio Speciale, Rosario Schicchi, Paolo Inglese, Giuseppe Barbera, Mariangela Galante, Paolo Arena, Graziella Pavia, Salvatore Murana, Giuseppe Lo Pilato, Gianluca Pannocchietti, Paolino Uccello, Fabio Morreale, Lavinia Lo Faro.

I suoni ambientali e le musiche del compositore siciliano Gianni Gebbia. saranno lo sfondo sonoro di questo percorso rivolto alla connessione tra universo umano e vegetale.

«Continuano le attività in sinergia con artisti internazionali ed italiani e l’Orto botanico - spiega il presidente del SiMua, professore Michelangelo Gruttadauria -, tra le strutture museali dell'Università, è il luogo di elezione di tanta creatività. Oltre a mostre temporanee di artisti in residenza, la mostra DIORAMI rafforza la consapevolezza ambientale, utilizzando materialii vegetali di riuso dell’Orto».

L’esposizione prosegue tra viali dell'Orto, dove due installazioni effimere costruite con materiali di riuso vegetale, in prossimità della Serra Carolina e del grande Ficus macrophylla,invitano il pubblico all'ascolto della natura e delle sue storie anche in notturna sedendosi comodamente in questi punto di osservazione dove potersi fermare ad osservare e leggere ogni l' albero come un "corpo vivente".

Le installazioni sono state progettate all’interno del workshop pensato dagli artisti, condotto dallo Studio Forward invitando docenti di architettura e design di livello internazionale che hanno lavorato con otto studenti selezionati dei corsi di laurea di Design di Palermo e dell'Accademia di Belle Arti Abadir di S.Agata Li Battiati.

Il direttore dell'Orto Botanico, professore Rosario Schicchi ha più volte sottolineato il valore degli orti botanici nel ruolo di conservazione della biodiversità vegetale, divenuta cruciale in questi ultimi anni.

Tra gli orti italiani il giardino tropicale di Palermo, con circa settemila specie, originarie dei paesi di tutto il mondo adattatesi al clima mediterraneo della città, costituisce una vera eccellenza.

La mostra resta aperta al pubblico fino al 5 novembre secondo gli orari di apertura dell'Orto Botanico di Palermo:

Ad agosto, visitabile dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 20.00, la domenica dalle 10.00 alle 20.00
A settembre, visitabile dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 19.00 e la domenica dalle 10.00 alle 19.00
A ottobre, visitabile dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 18.00 e la domenica dalle 10.00 alle 18.00
A novembre, dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 17.00 e la domenica dalle 10.00 alle 17.00
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE