MOSTRE
HomeEventiMostre

Esplorare il corpo umano in modo nuovo: "Real Bodies Exhibition" a Catania

  • Palaghiaccio, viale Kennedy 8/A - Catania
  • Dall'8 dicembre 2023 al 29 febbraio 2024 (evento concluso)
  • Vedi dettagli nell'articolo
  • Da 14 euro
  • Info sul sito italmostre.it
Balarm
La redazione

La riproduzione dell'uomo vitruviano per la mostra "Real Bodies Exhibition"

Da venerdì 8 dicembre, il Palaghiaccio di Catania ospita per la prima volta in Sicilia, "Real Bodies Exhibition" la mostra che ha suscitato interesse in ogni luogo in cui è stata presentata.

L'evento regala ai visitatori una straordinaria opportunità di esplorare il corpo umano in un modo senza precedenti, attraverso veri corpi umani, studi anatomici inediti e incredibili esperienze multimediali scientifiche.

Un viaggio attraverso dieci esperienze legate al corpo, dalle grandi transizioni della vita ai meccanismi che lo governano, passando per le malattie, le trasformazioni e il futuro del corpo umano.

Real Bodies si presenta come un'esperienza coinvolgente, divisa in tre tipologie: didattica, fisica e virtuale, in modo che il visitatore possa interagire direttamente con il contenuto della mostra.

Una sezione speciale, "L'Anatomia di Leonardo da Vinci" offre un'affascinante opportunità di confrontare i disegni di Leonardo con preparati anatomici reali, rivelando le sue profonde intuizioni scientifiche.

I visitatori possono inoltre esaminare da vicino una vasta collezione di corpi plastinati, fossili che tracciano l'evoluzione della vita, reperti archeologici legati alla storia della medicina e dispositivi medici di nuova generazione.

La mostra resta aperta dall'8 al 10 dicembre, dalle 10.00 alle 17.00, poi dal 26 dicembre al 7 gennaio tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00 e ancora dall'8 gennaio e per il mese di febbraio dalle 10.00 alle 17.00.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE