VISITE ED ESCURSIONI

HomeEventiVisite Ed Escursioni

L'Orto Botanico come il mondo di Avatar: "Anima Mundi", il video mapping (notturno) a Palermo

  • Orto Botanico - Palermo
  • Dall'1 luglio al 24 ottobre 2021 (da giovedì a domenica)
  • Dalle 19.20 alle 22.40 (da giovedì a domenica)
  • 10 euro (biglietto unico), gratuito (fino a 5 anni)
  • Biglietti acquistabili online o fisicamente al botteghino dell'Orto Botanico. È necessario presentarsi alla biglietteria 15 minuti prima dell'orario indicato sul proprio ticket. Ingresso con Green pass
Balarm
La redazione

"Anima Mundi" all'Orto Botanico di Palermo

Si legge "Anima Mundi" e si declina in un percorso immersivo tra le meraviglie, notturne, dell'Orto Botanico di Palermo, fra i tronchi nodosi e le fronde che lo caratterizzano.

Il progetto è stato realizzato da Odd Agency per trasportare il pubblico in un mondo immaginario popolato da fantastiche presenze e a contatto con l’anima del mondo, promuovendo una coscienza ecologica nei fruitori.

Fruibile dall'1 luglio, sono già più di 35 mila le persone che hanno visitato l’esperienza immersiva ambientata nell’ Orto Botanico di Palermo, nata in collaborazione con il Simua dell' Università degli Studi di Palermo - Younipa e Coopculture.

Così, il video mapping notturno più visitato in città continua le sue proiezioni rilanciando 12 nuove date, in collaborazione con "Le Vie dei Tesori", fino al 24 ottobre 2021, dal giovedì alla domenica con turni ogni 20 minuti dalle 19.20 alle 22.40 e al prezzo speciale di 10 euro.



«Avevamo questo progetto in mente da oltre due anni - ci ha detto Fabrizio Pedone della Odd Agency - e adesso ci sembra il miglior momento per condividerlo con il pubblico.

Oltre a riportare in vita lo spirito del luogo, che abbiamo approfondito e sviscerato attraverso lo studio delle specie presenti e delle storie e delle tradizioni ad esse legate, attraverso proiezioni, installazioni e un progetto di light design, esseri generati dai miti legati alla Natura si sveleranno, anche coinvolgendo i fruitori nell’esperienza. Il nostro obiettivo finale è la sensibilizzazione al rispetto del mondo vegetale, promuovendo una riflessione sul cambiamento climatico e sulle azioni compiute dall’uomo che, ormai è evidente a tutti, stanno distruggendo, neanche lentamente, l’ecosistema e il pianeta, che è la casa di tutti».

L’Orto Botanico di Palermo vanta un inestimabile patrimonio vegetale, un campione di biodiversità costruito nei secoli attraverso la piantumazione di alberi ed essenze provenienti da ogni angolo del pianeta. Quello che non tutti sanno, però, è che al calar del sole, una volta chiusi i cancelli al pubblico, il parco - per chi vuol crederci - si popola di una quantità di esseri e presenze che, nascosti alla vista dei visitatori durante il giorno, si danno convegno la notte per giocare, parlarsi, interagire fra loro.

Questi esseri di luce sono giunti fin qui celati fra i tronchi nodosi, le foglie, i fiori di piante esotiche. Trapiantare queste colture in città ha significato infatti importare anche le culture, i miti e le leggende che da sempre popolano le foreste, le praterie e gli acquitrini dai quali provengono.

Partecipando, dunque, a questo percorso (della durata di 45/60 minuti massimo, adatto per grandi e piccini) si potrà seguire Jinn, genius loci dell’Orto, anima del variegato sistema vegetale formatosi nel corso dei secoli in quest’angolo di mondo, nel suo viaggio per avvertire gli amici Puch, Yara, Sun e Kurma del pericolo rappresentato dal riscaldamento globale per la loro, e la nostra, sopravvivenza.

Tutto avviene in un percorso notturno ideato esclusivamente per il giardino botanico, luogo votato alla conservazione e alla salvaguardia della biodiversità, temi centrali del progetto multimediale - della durata di 45/60 minuti e si svilupperà per circa 700 metri al'interno dell’Orto.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE