MOSTRE

HomeEventiMostre

"Serpotta e il suo tempo": dipinti, marmi e stucchi all'Oratorio dei Bianchi di Palermo

  • Oratorio dei Bianchi, Piazzetta della Vittoria Allo Spasimo - Palermo
  • Dal 23 giugno al 1 ottobre 2017
  • Visitabile dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 13.30 e 16.30 alle 20.00
  • 8 euro (intero), 6 euro (ridotto gruppi di almeno 12 visitatori, titolari di convenzioni e possessori del biglietto di ingresso a pagamento di Palazzo Abatellis), 4 euro (ridotto speciale per scuole e giovani fino a 26 anni)
  • Per informazioni telefonare al numero 091.887767
Lo straordinario connubio tra le arti a Palermo tra fine Seicento e inizio Settecento è racchiuso nella mostra "Serpotta e il suo tempo", curata da Vincenzo Abbate e aperta al pubblico da venerdì 23 giugno a domenica 1 ottobre, presso l'Oratorio dei Bianchi.

Oltre 100 opere tra dipinti, marmi, stucchi, oreficerie, avori, coralli, disegni, stampe e testi antichi raccontano, per la prima volta in una grande esposizione, uno dei momenti più affascinanti e significativi della cultura figurativa a Palermo.

Il percorso della mostra, al piano terra dell’Oratorio dei Bianchi, è interamente dedicato a Serpotta e vi si possono ammirare a distanza ravvicinata gli stucchi provenienti dalla chiesa delle Stimmate, staccati prima della distruzione di fine Ottocento per far posto al Teatro Massimo.

Al primo piano si trovano oggetti preziosi a destinazione privata o di arredo liturgico, mettono invece in risalto il ruolo fondamentale di un settore trainante dell’economia di Palermo capitale del viceregno di Sicilia.

Serpotta contribuì sì a rivoluzionare l’arte dello stucco, facendolo assurgere alla dignità stessa del marmo, ma anche a dare elegante veste decorativa a chiese e oratori grazie anche alla sensibilità e alla disponibilità economica di importanti ordini religiosi e di facoltose confraternite e compagnie.