MOSTRE D'ARTE

HomeEventiMostre D'arte

Per la libertà delle donne afghane: la mostra di Steve McCurry al Palazzo Reale di Palermo

  • Palazzo dei Normanni - Palermo
  • Dal 29 marzo al 17 luglio 2022 (dal venerdì al lunedì)
  • Visitabile venerdì, sabato e lunedì (dalle ore 8.30 alle ore 17.30), domenica e festivi (dalle ore 8.30 alle ore 13.30)
  • Ingresso a pagamento (acquistando uno dei biglietti del percorso turistico del complesso monumentale di Palazzo Reale)
  • Info sul sito della mostra o chiamando la sede della Fondazione Federico II al numero 091 7055611
Balarm
La redazione

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

Donna afgana (foto di © Steve McCurry)

Da Palazzo Reale di Palermo l’urlo di denuncia per i diritti delle donne afghane. Contro la libertà negata. Ingabbiate, invisibili.

Gli sguardi raccontano un futuro che non esiste più. “For Freedom” è il racconto fotografico di un dramma in pieno svolgimento, un nuovo progetto autoriale che racchiude 49 immagini.

La mostra, visitabile dal 29 marzo al 17 luglio 2022, è frutto di una collaborazione tra la Fondazione Federico II e il più celebre fotografo al mondo di reportage antropologico, Steve McCurry: insieme per stimolare le coscienze.

La Fondazione ha fatto tesoro dell’incontro con il fotografo che ha saputo raccontare l’Afghanistan negli ultimi quarant’anni «testimoniando le donne afghane tra violenze, miserie, speranze». Col ritorno dei talebani nel 2021, le donne in Afghanistan hanno perso da un giorno all’altro ogni diritto allo studio e alla vita sociale. Bandite da ogni attività.



Una tragedia che si perpetua quotidianamente, annullando qualsiasi forma di libertà di pensiero e di azione per tutte le donne e le bambine afghane. Protagonista della mostra è l’oltraggio morale all’Umanità, la violazione dei diritti fondamentali, attraverso una narrazione fotografica densa di pathos ambientale e umano.

La mostra, allestita presso gli Appartamenti Reali, lungo il percorso di visita del Complesso Monumentale, gode di un allestimento scenografico e site specific in uno spazio emblematico del Palazzo Reale di Palermo, attraversato da migliaia di visitatori. Allestimento che segue concettualmente l’evoluzione della condizione della donna in Afghanistan.

«Ci sono scatti che divengono voce, urlo, richiesta di aiuto – afferma Gianfranco Miccichè, presidente della Fondazione Federico II -. Dinnanzi ad essi non possiamo sottrarci al ruolo di testimoni. Affinché la nostra coscienza si interroghi su quelle atrocità, è fondamentale rievocare attraverso le immagini la dimensione di anelito di libertà e di riscatto sociale.

Le fotografie di McCurry per noi rappresentano un ponte ideale verso il mondo afghano. Non a caso abbiamo dedicato a For Freedom un’area del palazzo che solitamente non viene utilizzata per le mostre».

«La mostra For Freedom – dice Patrizia Monterosso, direttore generale della Fondazione Federico II - è la narrazione della negazione di quella garanzia di libertà e di diritti per le donne afghane che sembrava conquistata. L’unicità delle fotografie di McCurry rimbalza continuamente tra significati passati e presenti, tra le speranze e le libertà un tempo acquisite e le atrocità del presente.

Davanti alle immagini e alle notizie drammatiche di questi mesi abbiamo colto il senso autentico della sua incredulità e abbiamo voluto offrire una mostra che desse voce alle donne dell’Afghanistan diventate nuovamente invisibili e senza identità».

L’esplorazione che McCurry offre nelle sue opere fotografiche sottende una complessa osservazione del mondo, una costante capacità di mettere a confronto Occidente e Oriente, di divulgare e denunciare gli atti frutto della crudeltà e dell’egoismo umani, oltreché la coesistenza tra mondi liberi da un lato e sofferenze inenarrabili imposte a moltitudini indifese dall’altro.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE