LIBRI, FILM E INCONTRI

HomeEventiLibri, Film E Incontri

"Il gioco di Alfred": la prima nazionale del film di Salvo Anello al Lux di Palermo

  • Cineteatro Lux - Palermo
  • 1 dicembre 2021
  • 21.00
  • 10 euro
  • Biglietti acquistabili al botteghino. Info e prevendite al numero 328 4022776 o mandare una mail a studiodyesys@gmail.com
Balarm
La redazione
La Creaking Woods Picture, in collaborazione con il Grand Hotel Wagner, presenta "Il gioco di Alfred", ultimo lavoro cinematografico del regista palermitano Salvo Anello.

Il film viene proiettato, in prima nazionale, mercoledì 1 dicembre alle ore 21.00 al cinema Lux, a Palermo. 

Presente in sala, oltre al regista, anche il cast completo: Davide Ruggiano (Antoine), Manfredi Mammina (Alfred), Maria Teresa Coraci (Dott. ssa Marino), Alessandra Falanga (Elena), Alfonso Biuso (Vittorio) e Enza Rita Prisinzano (Clara) e la Special Guest Antonio Ribisi La Spina (Màkari, Il giovane Montalbano, Baarìa, Squadra antimafia 5). 

La serata è presentata dall’ospite d’onore Francesco Puma, critico cinematografico palermitano.

Il gioco di Alfred trascina lentamente lo spettatore nel vortice di emozioni che pervadono l’animo del protagonista, Antoine, un regista di fama mondiale e all’apice del suo successo, che decide di incontrare la sua psicologa per provare a risolvere le sue frustrazioni. 



Durante i suoi racconti, Antoine mette in luce quelli che sono i suoi rapporti col suo collaboratore: Alfred.

‹‹Il film - racconta Salvo Anello - è stato interamente girato a Palermo e all’interno delle sale dell’Hotel Wagner, durante il lockdown del 2020, un lungo periodo che ha colpito duramente molte realtà lavorative, soprattutto quello del cinema, del teatro, della musica e quello artistico in generale››. 

‹‹Quest’ultimo uno dei settori più colpiti dallo stop, seppur inevitabile, forzato. Per questo tengo a sottolineare – continua – che tutto il cast di attori, formato da grandi professionisti del settore, tutta la troupe e i diversi compartimenti tecnici coinvolti per la realizzazione di questo film, hanno accettato di lavorare in condizioni non proprio ottimali pur di mandare avanti la propria passione e per sentirsi ancora parte integrante di una realtà che la diffusione del Covid 19 ha praticamente quasi cancellato. A loro va il mio più sincero grazie!››.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE