MOSTRE

HomeEventiMostre

"Il Kouros ritrovato": in mostra a Catania la preziosa statua greca in marmo

  • Museo Civico Castello Ursino - Catania
  • Dal 8 giugno al 3 novembre 2019
  • Visitabile tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00
  • 10 euro (biglietto intero), 8 euro (biglietto ridotto)
  • Per informazioni telefonare al numero 095 345830
Balarm
La redazione

Particolare del volto

La testa rinvenuta a Lentini dal principe di Biscari e conservata al Museo di Castello Ursino, è stata ricongiunta nel 2018 al torso acquisito da Paolo Orsi e conservato nel Museo Archeologico Regionale di Siracusa che oggi porta il suo nome.

Dalla ritrovata integrità della statua nasce la mostra "Il kouros ritrovato", visitabile fino al 3 novembre al Museo Civico di Castello Ursino a Catania.

L'idea lanciata dal critico d’arte Vittorio Sgarbi e dal Sindaco di Catania, si è concretizzata grazie all’impegno dell’ex Assessore ai Beni Culturali della Regione Sebastiano Tusa che, con la Fondazione Sicilia, ne ha promosso l'intervento di restauro.

Le due parti erano state rinvenute in epoche diverse (tra Settecento e primi del Novecento) a Lentini, l'antica Lentinoi, una delle più antiche colonie greche di Sicilia, nell'attuale provincia di Siracusa e, successivamente, esposte separatamente a Siracusa, nel Museo archeologico Paolo Orsi (il busto) e a Catania, nel Museo civico di Castello Ursino (la testa).

Il primo ad affermare con sicurezza che si trattasse di parti della stessa statua era stato nel 1927 l'archeologo siciliano Guido Libertini, docente di Archeologia nell'Università di Catania negli anni Venti.

Il kouros, è una tipologia di statua greca raffigurante un giovane in posizione statica, con funzione funeraria o votiva molto diffusa nel periodo arcaico e classico, tra il VII e il V secolo avanti Cristo.

Quella esposta è una scultura tardo arcaica (530-490 a.C. circa), ricavata da un unico blocco di marmo bianco proveniente quasi certamente dalle isole Cicladi. 

Un'équipe di esperti di varie discipline, che ha studiato congiuntamente il torso e la testa, ha riconosciuto l'appartenenza delle due parti ad un'unica statua. L’unione delle due parti, adagiate su un basamento in marmo grigio di Billiemi, è opera dello scultore Giacomo Rizzo. 

Il compimento del meticoloso intervento conservativo è stato condotto nei laboratori del Centro Regionale Progettazione e Restauro della Regione Siciliana.

L'opera continuerà a essere concepita come una realtà unitaria, non più come due distinti reperti conservati in musei diversi. Dopo l'esposizione al Museo civico di Catania, verrà trasferito a Siracusa, al Museo archeologico Paolo Orsi, dove si terrà un convegno internazionale sulla statua ricomposta.

Museo Civico Castello Ursino

Piazza Federico II di Svevia - 95121 Catania (Ct)
Vedi mappa

eventi consigliati