MERCATINI DI NATALE
HomeEventiMercatini Di Natale

Il Natale di "Opificia" a Villa Pottino: due giorni di artigianato, vintage e gastronomia

Balarm
La redazione

La fiera Opificia a Villa Pottino a Palermo

L’Associazione Artigianando, in occasione dei festeggiamenti del Natale 2023, presenta una fiera all'insegna dell’eleganza e lontano dalla vita frenetica della città.

Si svolge infatti all’interno degli eleganti saloni di Villa Pottino, villino liberty di Palermo, sabato 2 e domenica 3 dicembre, dalle 10.00 alle 20.00, la fiera "Opificia" interamente dedicata al Natale e all’artigianato siciliano, all’enogastronomia e al vintage.

Gli storici saloni di Villa Pottino ospitano 30 postazioni con artigiani provenienti da tutta la Sicilia che espongono borse pregiate cucite a mano, abbigliamento, gioielli, ceramiche artistiche dipinte a mano, oggettistica sacra, presepi, sfere natalizie decorate e tanto altro.

È possibile anche acquistare prodotti gastronomici a km zero, grazie a uno spazio dedicato ai produttori.

«Quest’anno, con lo staff organizzativo – dichiara Luca Tumminia, organizzatore dell’evento e presidente di Artigianando - abbiamo deciso di ritornare a Villa Pottino con l’edizione natalizia di Opificia, una mostra mercato apprezza non solo dal pubblico. Diverse, infatti, sono state le richieste, e dunque le adesioni, di partecipazione e di questo siamo contentissimi.

Inoltre, Villa Pottino e Opificia danno la possibilità a chiunque non ami la vita frenetica del centro città di frequentare una fiera di Natale in un posto più tranquillo.

Villa Pottino è un luogo magico di suo – continua – e grazie alla sua particolarità, alla sua storia e alle straordinarie atmosfere che le sue sale posseggono, risulta essere perfetta per una fiera dedicata alla magia del Natale».
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE