BANDI E OPPORTUNITÀ

HomeInformagiovaniBandi e opportunità

Fondo da 36 milioni per le piccole imprese in Sicilia: le scadenze e come fare domanda

Sono previste agevolazioni, tra finanziamento a tasso zero e a fondo perduto, sino al 75% dell’investimento per programmi di spesa tra 500 mila euro e 5 milioni

Balarm
La redazione
  • 11 gennaio 2023

La Sicilia scommette sul fondo Ripresa Sicilia. A gestirlo sarà l’Irfis, società in house della Regione Siciliana. Il fondo agevolativo è finalizzato alle concessioni di finanziamenti in favore di piccole e medie imprese che intendono realizzare un programma di spesa per l'innovazione nell’Isola.

"Ripresa Sicilia" ha una dotazione finanziaria complessiva di 36 milioni: 16 milioni provenienti dal Fondo di sviluppo e coesione 2021-2027 e 20 milioni dal Poc 2014-2020. I beneficiari dei finanziamenti sono le piccole e medie imprese dell'Isola in forma singola o associata.

Sono previste agevolazioni, tra finanziamento a tasso zero (della durata massima di 12 anni) e contributi a fondo perduto, sino al 75% dell’investimento per programmi di spesa tra i 400 mila e i 5 milioni di euro. Il cofinanziamento da parte dell'impresa richiedente non deve essere inferiore al 25% dell'investimento.

L'agevolazione sarà erogata attraverso un'anticipazione che può raggiungere il 40% del finanziamento concesso, successivi stati di avanzamento lavori (al massimo tre) pari ad almeno il 25% e un'erogazione finale.
Adv
Irfis provvederà alla predisposizione e all’emanazione dell’avviso pubblico per la concessione delle agevolazioni e ogni attività necessaria alla gestione della misura di finanziamento.

Innovando rispetto al passato, è richiesto un progetto integrato di investimento su ricerca e innovazione, competitività e internazionalizzazione, che dovrà avere una durata massima di 24 mesi.

Le spese ammissibili devono prevedere la realizzazione di progetti imprenditoriali integrati con programmi di ricerca e sviluppo, a sostegno dell'industrializzazione dei risultati della ricerca, per nuove tecnologie o soluzioni innovative nei processi, nei prodotti/servizi e nell'organizzazione.

In particolare si tratta di spese per la progettazione e direzione lavori (limite del 6% in opere murarie), opere murarie e costi di ristrutturazione (limite del 30%). E ancora per l'acquisto di macchinari, impianti, e attrezzature, per la formazione specialistica del personale (limite del 20%), necessaria per l’introduzione di macchinari,attrezzature, impianti innovativi, software, soluzioni tecnologiche.

Sono spese ammissibili anche quelle per l'acquisto di software, brevetti, licenze e soluzioni tecnologiche, per la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale, per la consulenza specialistica e programmi di internazionalizzazione, di marketing, e-business.

«La misura - ha aggiunto l'assessore regionale alle Attività produttive, Edy Tamajo - coniuga competitività, innovazione e ricerca, internazionalizzazione. Lo scopo del mio assessorato è supportare il più possibile le imprese attraverso strumenti finanziari e qualunque altro metodo innovativo volto ad aumentare la capacità di competere nel mercato globale.

Per questo avviso abbiamo voluto abolire il click-day, un meccanismo che non condividiamo, perché pensiamo che i progetti vadano valutati secondo un criterio meritocratico.

Ho chiesto ai miei uffici e a quelli dell'Irfis, che gestiranno i fondi, di avere tempi certi per le procedure amministrative, prevedendo anche delle penali nel caso in cui ci fosse qualche ritardo. In merito alle risorse destinate alla misura, in base alle richieste che arriveranno potremo eventualmente implementarle con la nuova programmazione 2021-2027, facendo scorrere le graduatorie».

In quest'ottica, saranno ammesse le spese per progettazione e direzione lavori, opere murarie e costi di ristrutturazione, acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, spese per la formazione specialistica del personale, acquisto di software, brevetti e licenze, spese per la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale; consulenza specialistica e programmi di internazionalizzazione, marketing ed e-business.

Le domande devono essere presentate online dall'1 al 31 marzo del 2023.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI