BLOG

HomeBlog

Tanti cuori (di cioccolato) per la ricerca: a Palermo artisti e istituzioni per Telethon

Coi fondi raccolti finora, sono state scoperte diverse cure, come per la ADA- SCID che ha permesso ai "bambini bolla" di uscire dai contenitori sterili dove vivevano

Susanna La Valle
Storica, insegnante e gosthwriter
  • 13 dicembre 2023

È di fronte la Chiesa dello Spasimo nel quartiere della Kalsa che si trova l’Oratorio dei Bianchi, luogo carico di storia, anticamente necropoli araba, era la sede di una delle Compagnie Religiose più importanti:i "Bianchi", così chiamati per la veste bianca e il cappuccio, la Buffa, che aveva due fori per gli occhi.

Come tutte le opere di carità era imposto l’anonimato per gli appartenenti che compivano questo servizio. I Bianchi, ovvero "La Nobile Primaria Compagnia del SS; Crocifisso", aveva come "missione" confortare i condannati a morte prima dell’esecuzione.

Nata nel 1542, riunì ecclesiastici e persone di prestigio ricevendo l’approvazione del Vicerè Ferdinando Gonzaga. La sede dell’Oratorio, come la conosciamo oggi, è del 1542 posta sopra la Chiesa della Vittoria così chiamata da Roberto il Guiscardo primo Normanno ad attraversare la porta d’ingresso della città.
Adv
I Bianchi ebbero numerosi privilegi uno dei quali fu quello di graziare un condannato a morte a loro insindacabile giudizio durante il periodo della Quaresima, un privilegio che fu esteso sino al 1707. L’Oratorio al quale si accede attraverso una rampa in marmo di Carrara, ha al suo interno pregevoli dipinti, pavimenti e stucchi serpottiani.

In questo luogo considerato “ segreto” si svolgevano le pratiche di misericordia verso i condannati a morte che erano affidati alla Compagnia tre giorni prima dell’esecuzione e che venivano avviati a pratiche di confessione pentimento e relativa assoluzione.

È in quest’Oratorio che il 15 dicembre 2023 si terrà l’evento benefico “Occorrono tanti Cuori… per la ricerca” organizzato della Fondazione Telethon a favore della ricerca scientifica sulle "Malattie Genetiche Rare".

L’appuntamento è alle ore 17.00 con ingresso libero presso L’Oratorio, dove vi sarà una Kermesse di artisti che si esibiranno gratuitamente, presentati da Antonella Lupo (delegata ufficiale Telethon) e Mario Azzolini (giornalista); saranno presenti l’Assessore dei Beni Culturali, Francesco Scarpinato, Il Coordinatore Telethon per la Sicilia Toto Pensabene, Il Presidente della Regione Sicilia Renato Schifani, il Sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

Sponsor Ufficiale la Rai, insieme al "Giornale di Sicilia" e alcune Radio,ospite Mario La Rocca Dirigente Generale del Dipartimento dei Beni Culturali e della Identità siciliana.

Con i fondi raccolti durante questi anni, sono già state scoperte diverse cure, come per la ADA- SCID che ha permesso ai "bambini bolla" di uscire da quei contenitori sterili dove erano costretti a vivere, così per altre malattie che hanno oggi una cura, senza dimenticare tutte le altre in fase di ricerca avanzata e/o di sperimentazione.

In Italia vi sono più di 2 milioni di pazienti affetti da malattie genetiche rare, con una grande percentuale in età pediatrica o sotto i 18 anni Durante l’incontro all’Oratorio dei Bianchi sarà possibile acquistare con un importo di 15 euro un Cuore di cioccolato, e partecipare con l’acquisto di un biglietto da 5 euro, all’astrazione di numerosi e preziosi premi messi a disposizione da artisti e pregevoli artigiani.

I proventi di questa campagna, insieme a tutte le altre promosse da Telethon, daranno modo di studiare e trovare le cure verso queste terribili malattie che come abbiamo visto colpiscono maggiormente i bambini.

"Facciamoli diventare grandi", non è solo uno spot, ma una richiesta d’aiuto concreta; acquistare un Cuore di cioccolato sarà un doppio dono, un dolce e tenero regalo per noi e i nostri cari, e un altro preziosissimo per i nostri bellissimi e "Bambini Rari".
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI