LIBRI

HomeMagazineCultura

"Zia Favola" dalla Sicilia a Ellis Island: il primo romanzo in siculish

Una ragazza di Corleone, un viaggio e una storia che parla a metà tra il siciliano e l'americano: è "Zia Favola. Una storia siculish" dell'autore Cono Cinquemani

Caterina Damiano
Giornalista e Coordinatrice di redazione di Balarm
  • 18 aprile 2017

C'è un filo rosso che collega la Sicilia all'America, un filo che lega insieme un passato fatto di speranze e di voglia di cambiare vita: è quello delle migrazioni susseguitesi fra gli anni Cinquanta e Settanta e che hanno portato a un cospicuo numero di nonni e bisnonni alla volta degli Stati Uniti.

Ci sono modi e modi per raccontare questo fenomeno e sicuramente giocare con il linguaggio è uno dei più originali degli ultimi tempi: lo sa bene Cono Cinquemani, autore di "Zia Favola. Una storia siculish", pubblicato da Aut Aut Edizioni, casa editrice indipendente palermitana fondata da Salvatore Spitalieri e Francesca Calà Lesina.

"Zia Favola" parla di Favola Cinquemani, una ragazza che durante i primi anni del Novecento viene spinta a partire per l'America in cerca di una vita migliore. «Favola - racconta l'autore Cono Cinquemani - è una mia lontana parente, partita da Corleone a 14 anni insieme al fratello che ne aveva sette».

«La storia che si legge - continua l'autore - è per metà romanzata e ispirata a Josephine Garzieri Calloway, una donna di Comiso che rimase bloccata per quasi un anno a Ellis Island». La particolarità caratterizzante del romanzo è il siculish, linguaggio che unì il siciliano all'inglese proprio durante il periodo delle migrazioni.

Semplice ma d'effetto, il linguaggio accompagna una storia agrodolce: Favola arriva in America per incontrare il fidanzato (trovato per corrispondenza) con cui iniziare una vita. Purtroppo durante il viaggio si ammala ed è proprio questo il motivo che la fa trattenere a Ellis Island con la paura di dover tornare indietro, verso la Sicilia.

Questo è solo uno dei tanti ostacoli che la protagonista, con il suo linguaggio misto halfu sicilianu e halfu americanu, racconta in prima persona. «Ci sono tante donne dentro zia Favola - continua Cinquemani - donne che arrivano da ogni parte della Sicilia perché lo spettacolo teatrale che le dà vita ha preso piede con il "Sicily Coast To Coast"».

Un progetto, quello del "Sicily Coast to Coast", che è stato organizzato da Cinquemani e dalla sorella e che ha dato vita a uno spettacolo in cui il personaggio di Favola raccontava storie e aneddoti. «Un progetto che prima è stato musicale con brani da me scritti in siculish - prosegue Cinquemani - e che poi è diventato vera e propria necessità trasformare in una storia più lunga».

E dai tempi del coast to coast "Zia Favola" è arrivata più lontano del previsto: il libro, il primo in lingua siculish, ha riscosso un enorme consenso: è infatti uscito nel 2017 e già nella primavera dello stesso anno è alla sua seconda ristampa.

articoli recenti