GREEN

HomeMagazineTerritorio

Ideate da un palermitano le ferrovie del futuro: dagli Usa per lui 75 milioni di euro

Giovanni De Lisi, palermitano, è il giovane imprenditore che ha dato vita a Greenrail: sviluppo industriale tra riuso, avanguardia progettuale e soprattutto sostenibilità

Giuliana Imburgia
Giurista e fashion addicted
  • 8 gennaio 2018

Il fondatore di Greenrail Giovanni De Lisi

Un’idea che vale 75 milioni di euro quella di "Greenrail", azienda del palermitano Giovanni De Lisi, che ha progettato un nuovo concept di traversa ferroviaria ecosostenibile secondo i moderni principi della circular economy.

De Lisi, palermitano di nascita, è il giovane imprenditore che ha infatti dato vita, corpo e sostanza Greenrail, azienda oggi riconosciuta a livello mondiale come player innovativo del settore ferroviario e ottimo esempio di sviluppo industriale sostenibile.

Project Manager dal 2003, nato e cresciuto nel settore dell’infrastruttura, Giovanni ha lavorato per nove anni nel campo ferroviario, supervisionando la manutenzione e il potenziamento delle linee.

Nel 2011 le conoscenze tecniche acquisite gli hanno consentito di sviluppare un nuovo concept di traversa ferroviaria ecosostenibile, in grado di abbattere l’inquinamento acustico, ridurre i costi di manutenzione e dare un forte contributo al riutilizzo di materiali difficilmente riciclabili.

Nel 2012 il trentenne fonda Greenrail S.r.l: la cui tecnologia sviluppata permette di produrre traverse ferroviarie con materiali di riciclo, utilizzando una miscela di gomma ottenuta da PFU (Pneumatici fuori uso) e plastica da rifiuto urbano.

Brevettata in 79 paesi del mondo, la sturt up di origine siciliana ha stipulato il primo accordo di licenza con SafePower1, società statunitense creata da imprenditori e investitori locali per industrializzare e commercializzare i prodotti Greenrail nei territori di Illinois, Michigan, Indiana, Minnesota, Missouri e Wisconsin.

L’accordo commerciale prevede la concessione di licenza di brevetto, la concessione del marchio, la progettazione e la fornitura degli impianti industriali con conseguente trasferimento di know how e sarà immediatamente operativo.

Grazie a questi accordi la traversa ecosostenibile di Greenrail andrà a inserirsi in quel colosso che è il mercato statunitense, che – secondo le stime più attuali - richiede ciclicamente da 15 a 25 milioni di traverse ogni anno per la sola manutenzione delle linee esistenti.

«La firma di questo accordo è un importante traguardo che dimostra come l'Italia sia all'avanguardia nella progettazione, realizzazione e produzione di sistemi per l'industria ecosostenibile» ha dichiarato Giovanni De Lisi, fondatore e Presidente di Greenrail Group.

«La chiusura del primo accordo di licenza apre finalmente nuovi scenari per la mobilità sostenibile e per l’innovazione tecnologica in linea con i principi della Circular Economy».

Un vero successo che porta l’autografo della Sicilia. Greenrail, infatti, è stata selezionata tra i 100 migliori progetti del mondo per essere esibita al padiglione Energy Best Practice Area dell'EXPO 2017 ad Astana ed è stata selezionata come migliore startup dell’anno 2017 durante StartupItalia Open Summit tra dieci finaliste della portata di Microsoft, Axa, Unicredit.

Inoltre, durante la Conferenza COP23 di Nazioni Unite a Bonn a Novembre 2017, Greenrail è diventato uno dei fondatori della World Alliance for Efficient Solutions: organizzazione internazionale volta allo sviluppo di nuove tecnologie per la ricerca di fonti di energia pulita.

articoli recenti