FESTIVAL E RASSEGNE

HomeEventiFestival E Rassegne

Dal pop al jazz passando per la musica d’autore: il festival "Stupor Mundi" alla corte di Federico II

  • Castello di Lombardia e Torre di Federico - Enna
  • Dal 9 luglio al 16 agosto (evento concluso)
  • 21.30 (inizio spettacoli)
  • Castello di Lombardia: da 12 euro a 26 euro + diritti di prevendita (biglietti singoli). Torre di Federico: da 10 euro 12 euro + diritti di prevendita (biglietti singoli)
  • Biglietti acquistabili sul circuito liveticket.it. Per info telefonare al numero 335 457082
Prende il via "Stupor Mundi", il festival della musica d'autore di Enna nato per omaggiare l'eredità culturale di Federico II, il re svevo simbolo di sapere e incontro tra culture, che della città – l'antica Castrogiovanni – apprezzava la natura lussureggiante e la posizione strategica.

La manifestazione, diretta artisticamente dal musicista e compositore toscano Roberto Martinelli e organizzata dalla Cooperativa Olimpo con il patrocinio dell'Amministrazione comunale, si compone di 24 appuntamenti equamente divisi nei due luoghi federiciani di Enna: il Castello di Lombardia e la Torre di Federico.

Il festival, in programma dal 9 luglio al 16 agosto, parte dal palcoscenico all’aperto dedicato alle note jazz e all'eccellenza dei talenti siciliani, allestito sotto la Torre di Federico di via Flora, la “Domus Regia" dall'inconfondibile forma ottagonale e si sposta al Castello di Lombardia, il "Castrum Regio" tanto caro a Federico II, 1con concerti che spaziano dal pop alla musica contemporanea a quella d'autore.

In poco più di un mese verrà offerta agli spettatori una proposta musicale variegata e trasversale con oltre 120 artisti sul palco tra cui: Tosca, Enrico Pieranunzi, Roy Paci, Mario Incudine, Eugenio Bennato, Arisa, per un mix di suoni, visioni ed emozioni (leggi il programma completo). 

Per motivi organizzativi il concerto di Franca Masu è rinviato al 23 agosto, il concerto di Tosca è annullato e il concerto per martedì 3 agosto di Arisa è rinviato a data da destinarsi.

COSA C'È DA FARE