BAMBINI E RAGAZZI

HomeEventiBambini E Ragazzi

"Il principe e l'aviatore": al Nuovo Teatro Orione lo spettacolo per famiglie e bambini

Balarm
La redazione
Un aviatore in volo sopra il deserto del Sahara è costretto da un'avaria ad atterrare nel mezzo del nulla.

Inizia così l'avventura dello spettacolo diretto da Alessia Spatoliatore dal titolo "Il principe e l'aviatore", in scena al Nuovo Teatro Orione sabato 4 e domenica 5 dicembre, alle 17.00. 

Uno spettacolo, liberamente ispirato al libro "Il piccolo Principe", che fa sognare grandi e piccini. In scena gli attori: Alessia Spatoliatore, Claudio Ambrosetti, Mariangela Lucchese, Caterina Tarantino, Antonio Sansone e Diego Di Gerlando.

L'aviatore pensa di essere solo sotto il cielo trapunto di stelle, lontano mille miglia dalla civiltà. Quando all'improvviso, una voce lo sorprende: «Disegnami una pecora!». A parlare è un bambino, il principe del lontano asteroide B 612, su cui viveva in compagnia di tre vulcani e una rosa, piccola e vanitosa.

Di lì è partito per un lungo viaggio attraverso il cosmo, durante il quale ha incontrato tanti bizzarri personaggi – un re solitario, un vanitoso che loda solo sé stesso, un arido businessman, un ubriacone che beve per dimenticare, uno zelante lampionaio e un geografo – imparando da ciascuno le piccole grandi verità che compongono il mosaico della saggezza umana.

Approdato infine sulla terra viene avvicinato da una volpe che gli chiede di essere addomesticata e gli rivela il segreto più prezioso: quello dell'amicizia. Ma al termine del racconto è tempo per l'uomo e per il bambino di separarsi: il piccolo principe deve far ritorno alla sua rosa.

Non prima di aver fatto dono al pilota del suo sorriso e di un confortante messaggio: ogni volta che alzerà lo sguardo verso le stelle saprà che lassù c'è un piccolo principe che veglia la sua rosa.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE