MUSICA E DANZA

HomeEventiMusica E Danza

La chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo si "accende" con il Gospel Project Choir

Balarm
La redazione

Il Gospel Project Choir

Dopo il successo di sabato scorso alla Chiesa della Pietà, che ha fatto registrare il tutto esaurito, sarà possibile ascoltare nuovamente il Gospel Project Choir nella splendida cornice barocca di San Giuseppe dei Teatini, sabato 21 dicembre alle 21.30.

Il Gospel Project Choir è un gruppo molto amato dal pubblico. Recentemente si è esibito al Teatro Massimo per l'evento natalizio della Polizia di Stato. Saranno eseguiti brani del repertorio spiritual e gospel tradizionale e moderno. 

Il Coro, diretto da Pietro Marchese, è un progetto multietnico e interconfessionale, formato da circa 38 elementi, di cui 25 solisti. Attraverso il canto vuole testimoniare la buona novella, il Vangelo (Gospel). 

I coristi provengono da Stati Uniti, Costa d'Avorio, Capo Verde, Isole Mauritius, Ghana, Francia, Germania, Danimarca e Austria; e appartengono a diverse confessioni religiose: cristiana cattolica, luterana, evangelica, valdese. 

Fra gli altri, il gruppo si è esibito in concerto con Antonello Venditti, Joe Castellano Blues Band e Harriet Lewis, a Canale 5 con i Pooh e Lina Sastri.

Il concerto si inserisce all'interno di "Exstasis", progetto culturale che illumina il Natale di Palermo per tutto il mese di dicembre e che coinvolge le più belle chiese del centro storico, porta la firma di Vincenzo Montanelli e dell’associazione Ignazio Florio

"Exstasis" è realizzato in collaborazione con l'Ufficio Beni culturali della Diocesi e il sostegno dell’assessorato regionale al Turismo nell'ambito di "Invisibilia", rassegna voluta e curata proprio dalla Diocesi di Palermo allo scopo di coinvolgere i cittadini in una più corretta e intensa fruizione dell'arte nata per la preghiera.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE