STORIE

HomeMagazineSocietàStorie

A Termini è nata "Spiaggetta 21": l'impresa (impossibile) di due amici diventa realtà

Quando la passione supera ogni ostacolo e le imprese impossibili diventano realtà. È quello che è successo a una vecchia Fiat 500 in una piccola officina "artigianale"

Roberto Tedesco
Architetto, giornalista e altro
  • 23 agosto 2021

"Spiaggetta 21"

Quando la passione supera ogni ostacolo e le imprese impossibili diventano realtà. È quello che è successo in una piccola officina a Termini Imerese.

Qualche mese addietro due amici, Tony Buttafarro, raffinato carrozziere e figlio d’arte e Vincenzo Aglieri Rinella, nato tra le motociclette della concessionaria del padre e con la passione delle auto d’epoca, hanno iniziato a costruire un sogno, che inseguivano da chissà quanto tempo: “rimettere a nuovo” una vecchia Fiat 500, trasformandola in una decapottabile.

Tutto è iniziato al tavolo di un bar, dinnanzi a un caffè, con uno schizzo realizzato su un tovagliolo di carta: quel disegno era una “Fiat ‘500 in “versione aperta”. Il giorno successivo i due amici erano già a lavoro e sin dal primo momento la loro autovettura è stata soprannominata: Spiaggetta 21.

«In realtà, negli anni’50, questo modello esisteva con il nome di Spiaggina - dice Vincenzo Aglieri Rinella - così ispirandoci a quel modello abbiamo deciso di acquistare una vecchia cinquecento anni Settanta, modello “L”, e abbiamo iniziato a lavorare notte e giorno senza mai fermarci».



«Tony con grande pazienza ha tagliato, sagomato e modellato la carrozzeria, poi ha montato i rinforzi tubolari e i paracolpi, facendo di tutto per non trascurare ogni minimo dettaglio - aggiunge -. Anche i sedili sono stati realizzati su misura in vimini».

Sono stati quattro mesi impegnativi perché si è lavorato allo stesso modo dei "battilastra" di un tempo, quando si plasmava la lamiera “colpo su colpo”.

«La principale difficoltà di realizzazione di questa autovettura è stata nel taglio della carrozzeria e il relativo posizionamento dei rinforzi alla struttura - aggiunge Tony - Altra difficoltà costruttiva: il piegamento del tubolare che abbiamo collocato a protezione della carrozzeria. Una cosa è certa è stato un lavoro pieno di soddisfazioni sin dal primo taglio della lamiera».

Anche il colore scelto è un classico intramontabile: il verde Tiffany.

Terminata la costruzione si è passati alla omologazione del mezzo con la relativa messa su strada, che ha attirato l'attenzione di molti sin dalle prime uscite della '500 decapottabile.

«Questa è una vettura dove è stata modificata la carrozzeria in modo artigianale. Tutto ciò è stato possibile grazie all’abilità di Tony che ha saputo battere la lastra come facevano un tempo», conclude Vincenzo Aglieri Rinella.

«Ma questo è solo l’inizio, perché abbiamo intenzione di cimentarci in una versione elettrica avvalendoci anche di collaborazione esterne specializzate in questo settore».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI