SERVIZI

HomeMagazineSalute

Da Ustica a Cefalù: nei Comuni più piccoli l'elettrocardiogramma si fa in farmacia

Da novembre e per i 12 mesi successivi è possibile andare in una delle 42 farmacie che hanno già aderito in ben 58 piccoli Comuni per sottoporsi a diversi esami

Balarm
La redazione
  • 30 ottobre 2018

Le farmacie nei piccoli centri rurali della Sicilia sono spesso l’unico presidio ospedaliero, aperte quasi costantemente giorno e notte.

Federfarma Palermo ha così deciso di avviare in queste farmacie un progetto sperimentale di prevenzione cardiovascolare attraverso la telecardiografia h24.

Da novembre e per i 12 mesi successivi sarà possibile recarsi in una delle 42 farmacie rurali che hanno già aderito, fra le 64 attive in 58 centri minori (con meno di cinquemila abitanti), per effettuare un elettrocardiogramma e ottenere online entro 15 minuti il referto.

In caso di evidenza anomala, alla farmacia verrà inviato subito un alert e il cardiologo fornirà telefonicamente indicazioni al cittadino.

Il servizio è utile soprattutto per la prevenzione periodica di primo livello per soggetti a rischio (ipertesi, diabetici, donne in gravidanza, fumatori o soggetti con familiarità), alla prevenzione di secondo livello per soggetti già affetti da patologie o con episodi pregressi o in corso per i quali è urgente eseguire un controllo immediato con cui decidere l’eventuale intervento di un medico o di un’unità di soccorso, e anche per verificare l’efficienza dei pace makers. Inoltre, su richiesta del medico curante, l’Ecg è essenziale per stabilire l’idoneità dei giovani allo svolgimento di attività sportive.

Sono 16 gli elettrocardiografi di ultima generazione e di livello ospedaliero messi a disposizione di questo progetto da Health Telematic Network, che già eroga il servizio in 5mila farmacie italiane in raccordo con Promofarma, la società di servizi di Federfarma nazionale.

Di questi apparecchi, uno sarà in dotazione permanente alla farmacia Zattoni dell’isola di Ustica per garantire la piena assistenza a quella comunità, mentre gli altri 15 saranno presenti a turni di 7-10 giorni ciascuno in una delle farmacie delle aree in cui è stato diviso il territorio (un’area contiene al massimo quattro farmacie rurali vicine fra loro, in base ai turni di apertura).

Apposite locandine avvertiranno la popolazione sui giorni e sulle farmacie in cui sarà possibile effettuare l’esame.

Ecco l’elenco delle 42 farmacie già aderenti al progetto, divise per distretti, nei quali si troverà a turno uno dei 16 elettrocardiografi.

Distretto di Cefalù: Collesano, Gratteri, Isnello, Lascari, Finale di Pollina, San Mauro Castelverde.
Distretto di Petralia Sottana: Alimena, Blufi, Bompietro, Castellana Sicula, frazione di Calcarelli, frazione Madonnuzza di Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa (2 farmacie), frazione di Locati.
Distretto di Misilmeri: Campofelice di Fitalia, Cefalà Diana, Ciminna, Mezzojuso, Villafrati.
Distretto di Termini Imerese: Aliminusa, Caltavuturo, Montemaggiore Belsito, Scillato, Sclafani Bagni.
Distretto di Lercara Friddi: Alia (2 farmacie), Prizzi, Roccapalumba, Valledolmo.
Distretto di Corleone: Bisacquino (servizio già attivo), Campofiorito, Chiusa Sclafani (2 farmacie).
Distretto di Partinico: Torretta, Camporeale (2 farmacie), frazione di Grisì, Trappeto (servizio già attivo), San Martino delle Scale.
Isola di Ustica: 1 farmacia.

articoli recenti