AMBIENTE

HomeMagazineSocietàAmbiente

Rinascono i boschi siciliani: in arrivo nuovi sentieri, barbeque, segnaletiche e panchine

Gli interventi per oltre ventidue milioni di euro serviranno per migliorare e valorizzare gli ecosistemi forestali, tutelare la biodiversità e l'ambiente delle aree boschive siciliane

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 5 marzo 2020

Bosco della Ficuzza, nel territorio di Corleone in Sicilia

Oltre ventidue milioni di euro per migliorare e valorizzare gli ecosistemi forestali. La Regione Siciliana ha dato il via libera al finanziamento di 117 beneficiari tra soggetti pubblici e privati che avevano precedentemente partecipato al bando.

L'assessorato dell'Agricoltura, tramite il dipartimento dello Sviluppo rurale, guidato da Mario Candore, ha infatti approvato la graduatoria definitiva che stanzia 22,7 milioni di euro nell’ambito dei fondi comunitari del Psr 2014-2020.

Il bando prevede la realizzazione di interventi di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici e di tutela degli habitat forestali, mediante lavori colturali per la manutenzione e conservazione delle superfici boscate e degli ambienti naturali.

«Sono degli interventi forestali per migliorare l'esistente, ricoltivare quello che è malmesso - spiega Candore -. Ci muoveremo soprattutto per la manutenzione delle aree boschive in cui sarà sistemata la sentieristica, la cartellonistica, i punti di avvistamento, i barbeque, le panchine e i tavoli. L'obiettivo è migliorare la fruizione delle infrastrutture che si trovano dentro le aree boschive.

Per il rimboschimento useremo un'altra linea di intervento del Psr, entro il 2023, perché la linea è per il 2014-2020, ma in realtà ci sono due anni di scivolamento».

Una misura di particolare interesse per la tutela dell'ambiente e della biodiversità secondo l'assessore all'Agricoltura, Edy Bandiera.

«Attraverso l’attivazione di questa misura - aggiunge l'assessore - vogliamo incrementare l'offerta dei servizi e per farlo vogliamo favoriamo la realizzazione e la fruizione di aree di sosta e attrezzate, strutture ricreative, punti di ristoro, oltre a migliorare la sentieristica all’interno del bosco».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI