STREET ART

HomeMagazineTerritorioAttualità

L’acqua è un diritto di tutti: a Caltagirone un mega murale adesso ne celebra il valore

Uno street artist siciliano ha firmato l'opera per trasmettere l'importanza di questo bene pubblico, scegliendo come tela l'intera facciata di un palazzo in centro storico

  • 7 agosto 2020

Il murale "Sorgente" di Ligama a Caltagirone

Da sempre ritenuta la fonte principale della vita del mondo intero, un bene prezioso che per la sua essenziale importanza merita di essere celebrato. E a farlo, in questo caso, è stato l’artista Ligama, 34 anni, che ha realizzato un mega murales nel quartiere di Acquanuova a Caltagirone intitolato “Sorgente”.

La scelta del quartiere dell’Acquanuova non è stata casuale ma, al contrario, il murales vuole essere un omaggio ad una delle ricorrenze più sentite dalla comunità caltagironese: quella che nel ‘600 vide scorrere per la prima volta l’acqua pubblica negli acquedotti urbani, portando così democrazia e civiltà nel tessuto sociale.

In un post pubblicato dall’artista su Facebook si legge: «Nel 1522 iniziarono i lavori per portare l’abbondante acqua dei Semini alla parte abitata della città. Furono costruiti chilometri di galleria, un’ imponente opera di ingegneria per l’epoca. Così nel 1608 fu inaugurato il primo acquedotto pubblico di Caltagirone, detto dell’Acquanuova. Più di quattro secoli fa.



L’acqua doveva pure alimentare una grandiosa fontana commessa all’architetto e scultore fiorentino Camillo Camilliani, che per varie vicende rimase incompleta ed ora nei suoi elementi superstiti è collocata nella parte bassa del Giardino pubblico Vittorio Emanuele II. Al posto della fontana furono costruiti lavatoi e beveratoi e due eleganti piloni con cannelle, decorati di sculture da Giandomenico Gagini».

Inaugurato il 5 agosto scorso, l'artista per realizzare il murale ha impiegato soli quattro giorni di lavoro e ha scelto di raffigurare un volto femminile con un'anfora tra le mani dalla quale sgorga copiosa l'acqua che presenta dei tratti eterogenei, sia siciliani che arabi, una giovane donna rappresentativa integrazione e di culture diverse.

“Sorgente” inoltre è un’opera pittorica che fa parte di un più ampio progetto di rivalutazione del centro storico della città portato avanti dall’associazione culturale Geniusloci, con il patrocinio del Comune di Caltagirone, che nell’ultimo anno ha programmato la realizzazione di una serie di interventi murali in tutta la città con l’obiettivo di creare un percorso che facesse riscoprire il gusto di passeggiare per il centro storico essendo circondati di bellezza.

Il post di Ligama sui social si conclude con una citazione di Nelson Mandela: «L’acqua è un diritto per tutti gli essere umani; senza acqua non c’è futuro. L’accesso all’acqua è un obiettivo comune. Esso è un elemento centrale nel tessuto sociale, economico e politico del paese. L’acqua è democrazia!».

ARTICOLI RECENTI