ITINERARI

HomeMagazineTurismo

Piante del mondo tra cave settecentesche: il "Giardino Impossibile" incanta Favignana

Era un luogo spettrale, un labirinto di calcarenite che si è creato nel tempo: adesso a Favignana c'è invece uno spettacolo incredibile che unisce natura e architettura

Balarm
La redazione
  • 17 giugno 2019

Il giardino Impossibile di Favignana

I titolari di questo "Giardino dell’impossibile”, hanno permesso che fiorisse (letteralmente) un luogo che sembrava destinato a rimanere nascosto e spettrale, riparato da mura.

Si tratta di villa Margherita, un labirinto di giardini ipogei: una meraviglia paesaggistica sorprendente che si trova sull'isola di Favignana costituita da depressioni nel terreno causate dall’antica e tradizionale pratica dell’estrazione di calcarenite, una delle principali attività di sostentamento per gli isolani, oltre ovviamente alla pesca.

Una volta esaurita a cava i favignanesi hanno pensato di trasformare questi luoghi in un raro ambiente che immerso tra cave abbandonate accoglie oggi alberi e piante di diverse oltre 300 specie, arbusti da fiori e da frutto e animali.

Tra i cunicoli di calcarenite a perdita d’occhio, un labirinto di gallerie e ipogei non poteva non chiamarsi "Giardino dell’Impossibile": dove si credeva che nulla mai sarebbe cresciuto è esplosa la natura con tutta la sua magia diventando uno straordinario orto botanico da 40mila metri quadrati che in gran parte si trova sotto il livello della strada.

Alla regia di tutto ciò c'è Maria Gabriella Campo che nel 2001 si oppose a chi le diceva che sarebbe stato "impossibile" fare attecchire qualcosa in quel dedalo.

Durante i lavori di bonifica sono invece emersi degli interessanti scorci: oltre alla grande cava a cielo aperto che è stata tagliata con mezzi meccanici negli anni Sessanta ci sono anche risalenti cave settecentesche e ottocentesche, non per nulla questo luogo è nel Libro delle Espressioni del R.E.I.L. Isole Egadi come alta espressione del patrimonio culturale dell’umanità.

Senza dubbio uno spettacolo unico: giardini che verdeggiano tra enormi e immobili cave di roccia (alla vista sono bianche e lisce) che è anche un forte esempio di recupero urbanistico nel segno dell'estetica e dell'ambiente.

ARTICOLI RECENTI