ATTUALITÀ

HomeMagazineSocietàAttualità

Restiamo a casa ma tutti affacciati col naso all'insù: c'è la seconda superluna piena

Nella notte tra il 9 e il 10 marzo arriva la seconda superluna piena del 2020: una palla luminosa visibile ad occhio nudo grazie alla sua strategica posizione rispetto alla Terra

  • 9 marzo 2020

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

Luna piena (foto pixabay)

In questo periodo di precauzione da contagio da Coronavirus, restare a casa è assolutamente consigliato e auspicabile, e allora quale migliore occasione per godersi un irripetibile panorama mozzafiato?

È prevista per stasera, proprio nella notte a cavallo tra il 9 e il 10 marzo, la seconda superluna piena del 2020, dopo quella già "andata in onda" su tutti i cieli del mondo il mese scorso e le due previste nei prossimi mesi di aprile e maggio.

Una palla luminosa in HD (ad alta definizione) che si potrà ammirare ad occhio nudo grazie alla strategica posizione che il satellite naturale assumerà rispetto al pianeta Terra e che, già a partire dalle 17.30 di oggi pomeriggio, si avvicinerà piano piano fino a toccare, alle ore 7:34 circa di domani mattina 10 marzo, una distanza minima pari a 357.122 chilometri (quando la distanza media, cui siamo abituati, è poco più di 384.000 chilometri).

Una “superluna” quindi, anche conosciuta come luna piena (ossia quando la luna si trova in prossimità del proprio perigeo), che sarà visibile dalle nostre finestre in una dimensione ben più grande e ben più luminosa rispetto a quanto siamo normalmente abituati, ma soprattutto più vicina che mai.

Considerata la straordinarietà dell’evento lunare, il Virtual Telescope, l’osservatorio astronomico robotico, riprenderà la superluna sull’orizzonte di Roma, condividendo la visione tramite una diretta trasmessa già da stasera 9 marzo, a partire dalle 17,30, e che sarà visibile accedendo al sito dell’osservatorio.

Insomma, stasera tutti con i nasi all’insù perché il Covid-19 (per fortuna) non ci impedisce di affacciarci alla finestra.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE