Altro

HomeMagazineInformagiovani

Il Comune di Palermo assegna i suoi beni: un bando per far fruttare le risorse

Il Comune di Palermo ha prorogato i termini per l'assegnazione in concessione di immobili di proprietà comunale. Candidature fino all'1 settembre

Balarm
La redazione
  • 8 agosto 2017

Mettere a frutto le risorse della città e affidarle a chi sa e riesce a utilizzarle in modo proficuo, apportando benefici alla collettività intera: volendo perseguire questo obiettivo, il Comune di Palermo ha stabilito la riapertura dei termini per l'assegnazione in concessione di immobili di proprietà comunale.

Possono aderire al bando (visualizza il regolamento) persone fisiche ma anche singole imprese e raggruppamenti delle stesse.

Per partecipare, c'è tempo fino alle 12 dell'1 settembre: l'istanza va compilata e inviata, unitamente agli allegati richiesti firmati in digitale, tramite l’apposita applicazione web presente nella sezione "servizi on line" del sito del Comune di Palermo.

La procedura di assegnazione prevede lo svolgimento di tre diverse fasi: in primo luogo, vengono comunicate le date per il sopralluogo finalizzato all'individuazione di due immobili per cui si intende presentare l'offerta.

Successivamente, si presentano le offerte al rialzo sul canone a base d'asta e del relativo deposito cauzionale e, infine, si valutano le stesse e si procede con l'assegnazione dei beni.

Una volta scaduta la concessione, l'immobile rientra nella disponibilità dell'Amministrazione comunale e, con esso, tutte le opere realizzate, senza che venga riconosciuto al concessionario uscente un qualsiasi rimborso per quanto eseguito.

articoli recenti