MOSTRE D'ARTE

HomeEventiMostre D'arte

"Con gli occhi pieni di luce": al Gonzaga una mostra fotografica sugli slum del Kenya

  • Istituto Gonzaga - Palermo
  • Dal 18 febbraio al 26 giugno 2020 (evento rinviato a data da destinarsi)
  • Visitabile dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 18.00. Chiuso il sabato e la domenica
  • Gratuito
Balarm
La redazione

Bambini di Ongata Rongai (Nairobi) - foto in mostra al progetto "Con gli occhi pieni di luce"

In occasione del Centenario dell'istituto, il Gonzaga getta le fondamenta per un ponte con il Kenya, proponendo a tutta la comunità educante, famiglie e insegnanti, un gemellaggio con la "Mazzoldi School" di Ongata Rongai (Nairobi), gestita dalle suore Evangelizing Sisters of Mary, per conoscere e sostenere economicamente una realtà di impegno in una delle periferie del mondo.

Un'esperienza che viene aperta a Palermo grazie alla mostra fotografica "Con gli occhi pieni di luce", allestita nel foyer dell'Istituto Gonzaga, in via Piersanti Mattarella 38-42.

L'installazione, sostenuta dall'associazione Mamme per la pelle e dalla Lega missionaria studenti, presenta una sessantina di scatti di Roberto Miraglia, responsabile dei servizi di radiologia dell'Ismett e fotografo per passione, e di altri palermitani, che hanno già conosciuto da vicino la straordinaria esperienza missionaria di Ongata Rongai. Al centro delle foto i bambini africani capaci di divertirsi ed essere felici con poco, con gli occhi profondi e pieni di luce.

I fondi, raccolti con il gemellaggio e con le vendite di beneficenza degli oggetti artigianali realizzati in Kenya, sono destinati alla cura dei bambini degli slums, e in particolare delle ragazze che non avrebbero un'alternativa educativa. Anche Mamme per la pelle, associazione che riunisce madri adottive di bambini di etnia diversa, ha deciso di sposare l'iniziativa e di promuovere l'educazione inclusiva.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE