VISITE ED ESCURSIONI
HomeEventiVisite ed escursioni

Dalla Città dei Tramonti al museo "en plein air": i borghi da visitare nell'Agrigentino

  • Burgio - Burgio (Ag)
  • Caltabellotta - Caltabellotta (Ag)
  • Cammarata - Cammarata (Ag)
  • Montevago - Montevago (Ag)
  • Sambuca di Sicilia - Sambuca di Sicilia (Ag)
  • Santo Stefano Quisquina - Santo Stefano Quisquina (Ag)
  • Siculiana - Siculiana (Ag)
  • Dal 10 al 26 maggio (solo venerdì, sabato e domenica)
  • Consulta il programma nell'articolo
  • 3 euro (visita singola), 10 euro (4 visite), 18 euro (10 visite), 6 euro (passeggiate)
  • Coupon acquistabili online sul sito de Le Vie dei Tesori o negli infopoint allestiti in ciascun borgo oppure scaricando gratuitamente la APP "Le Vie dei Tesori" (versione Android e versione iOS). Per maggiori informazioni chiamare il numero  091 8421309 (tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 18.00). È fortemente consigliata la prenotazione
Balarm
La redazione

Il borgo di Siculiana

Scoprire le radici e soprattutto scoprire i luoghi e le tradizioni che sono testimoni dell’emigrazione in Sicilia. In occasione dei Borghi dei Tesori Roots Fest, nei weekend dal 10 al 26 maggio, si possono visitare musei, conventi, artigiani, luoghi di memoria e assaggiare ovunque i cibi della tradizione siciliana.

Nell’Agrigentino ci sono due new entry, Cammarata e Siculiana, che si uniscono a Burgio, Caltabellotta, Montevago, Sambuca di Sicilia, Santo Stefano Quisquina.

Ma vediamoli uno per uno.

Sambuca di Sicilia si va per cortili, vigneti e  "purrere", sapori carnosi come le Minne di vergini del borgo: ma sarà da ammirare il famoso corredo della Tomba della regina di Monte Adranone che il Museo Salinas ha riconsegnato al borgo.

Poco lontano, a Montevago è viva ancora la memoria del terremoto del 1968, che però si è trasformata in un museo en plein air di murales dal forte significato etico, che si stringe attorno all’antica Matrice.
Adv
A Burgio scoprirete come si fonde una campana, ma anche che la cripta dei Cappuccini conserva alcune delle mummie meglio conservate dell’isola.

A Caltabellotta potrete accarezzare un antichissimo fonte battesimale con la croce templare, ammirare i lavori impalpabili delle ricamatrici e affiancare le opere dello scultore Salvatore Rizzuti con gli antichi reperti.

Raggiungendo la costa e arrivando a Siculiana, troverete la città degli innamorati e dei tramonti, ma vi mostreranno i primi documenti che presto saranno esposti al nuovo museo dedicato a Ayrton Senna, che era originario di questo borgo.

A Cammarata si andrà in cerca di tesori sulle tracce della domina Lucia la normanna, e si salirà a Monte Cammarata, la vetta più alta dei monti Sicani, per perdersi tra neviere e antichi marcati, i tipici ricoveri in pietra per le pecore.

A Santo Stefano Quisquina si annuncia una sola visita imperdibile al Santuario di Santa Rosalia (ma vi spiegheranno anche in che momento esatto “caglia” la ricotta).

Infine, raggiungendo la costa e arrivando a Siculiana, troverete la città degli innamorati e dei tramonti, ma vi mostreranno i primi documenti che presto saranno esposti al nuovo museo dedicato a Ayrton Senna, che era originario di questo borgo.

COME PARTECIPARE
Le Vie dei Tesori ha messo a disposizione dei festival dei Borghi l’efficienza di una rete già consolidata e l’esperienza organizzativa.

Anche Borghi dei Tesori Roots Fest è una rassegna smart e digitale, con un unico coupon valido per le visite in tutti i luoghi – una media di cinque siti per ciascun borgo, senza contare esperienze passeggiate che richiedono un coupon dedicato - che apriranno le porte.

Come nel Festival delle città, un coupon da 18 euro varrà per 10 visite, un coupon da 10 euro per 4 visite.

Passeggiate ed esperienze avranno coupon a parte e si consiglia fortemente la prenotazione, soprattutto per le degustazioni. I coupon saranno disponibili sulla piattaforma delle Vie dei Tesori e in un infopoint in ciascun borgo.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE