TEATRO E CABARET

HomeEventiTeatro E Cabaret

"Il mansplaining spiegato a mia figlia": lo spettacolo di Valerio Lundini a Palermo e Catania

  • Cineteatro Golden - Palermo
  • Teatro Metropolitan - Catania
  • 25 gennaio (Catania), 26 gennaio (Palermo) (evento concluso)
  • 21.00
  • 37,95 euro (poltronissima), 32,20 euro (poltrona) 26,45 euro (distinti)
  • Biglietti in vendita su Ticketone.it o al botteghino del teatro Metropolitan di Catania el Teatro Golden di Palermo. Info al numero 393 9450020 o alla mail agavespettacoli@inwind.it

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori
Dopo il rinvio delle due tappe siciliane, Valerio Lundini annuncia finalmente il nuovo calendario con le due nuove date del suo spettacolo spettacolo "Il mansplaining spiegato a mia figlia", organizzato dall'associazione Agave Spettacoli.

Il presentatore e comico porta dunque lo spettacolo al teatro Metropolitan di Catania, martedì 25 gennaio 2022, e al teatro Golden di Palermo mercoledì 26 gennaio 2022.

I biglietti già acquistati rimangono validi per le nuove date.

Il presentatore e comico si sarebbe dovuto esibire giovedì 9 dicembre al Teatro Metropolitan di Catania giovedì 9 dicembre e venerdì 10 dicembre al Teatro Golden di Palermo, entrambi gli spettacoli alle ore 21.00.

Il conduttore porta per la prima volta sui palcoscenici dei grandi teatri italiani sketch surreali, canzoni, giochi satirici di parole ed effetti speciali multimediali, il tutto proposto nel suo inconfondibile stile. Con "Una pezza di Lundini", su Rai Due, ha portato nella televisione italiana un inedito, rinnovato e originale late night comedy, con servizi surreali lontani dai luoghi comuni, dal buonismo e dai cliché.

Con questo spettacolo, che fa parte del tour il pubblico avrà modo di scoprire dal vivo la versatilità ironica, sarcastica e giocosa di un nuovo fuoriclasse della risata inaspettata che vanta, lontano dalla tv, un decennio di gavetta sui più disparati palcoscenici, ma anche come fumettista, in radio come autore e non solo.

COSA C'È DA FARE