MANIFESTAZIONI

HomeEventiManifestazioni

"L’età Giovane" è il fil rouge che unisce tutti i film in concorso: la nuova edizione del "SalinaDocFest"

  • Vari luoghi dell'isola - Salina (Me)
  • Dal 24 al 26 settembre 2020 (evento concluso)
  • Consulta il programma
  • Ingresso gratuito
Balarm
La redazione

L'attrice Jasmine Trinca

Quest’anno è "Giovani/L’età Giovane" il tema del "SalinaDocFest", il festival internazionale del documentario narrativo fondato e diretto da Giovanna Taviani. La quattordicesima edizione del festival ha un’anteprima romana dal 18 al 20 settembre all’orto Botanico, per poi spostarsi a Salina dal 24 al 26 settembre.

Sono 6 i documentari in concorso con 2 anteprime mondiali. Un filo rosso unisce tutti i film in selezione per riflettere a partire da approcci registici tra loro complementari su quell’età giovane che è al centro del tema dei lavori in concorso quest’anno. Dalla Francia alla Palestina, arrivano gli sguardi inediti di alcuni dei cineasti più sorprendenti del panorama cinematografico.

Un’edizione che vede i giovani protagonisti anche come giurati. Sarà infatti un gruppo selezionato di studenti eoliani e palermitani ad assegnare il Premio Signum del Pubblico. A fare da giurati gli allievi dell’ultimo anno dell’Istituto Isa Conti, Eller Vainicher di Lipari e della scuola Maria Adelaide di Palermo in collaborazione con l'Associazione Culturale Officina Immagine. Il Premio Tasca d’Oro al Miglior documentario in concorso sarà invece assegnato dalla Giuria composta da Jasmine Trinca, Richard Copans e Catherine Bizern.



In anteprima mondiale sarà presentato "Movida" di Alessandro Padovani. Dei bambini giocano alla guerra tra le case abbandonate di un paese di montagna. Gli adolescenti Tommaso e Riccardo costruiscono un triciclo a motore, passando l’estate con altri ragazzi tra parcheggi e capannoni abbandonati. Lorenzo ha la stessa età ed è il figlio di un pastore transumante, però non vorrebbe continuare il mestiere del padre, ma passare un’estate come i suoi coetanei. Il bellunese è una delle tante province italiane che si sta spopolando. Movida lo racconta attraverso lo sguardo di bambini e ragazzi che lo abitano.

L’altra anteprima mondiale della kermesse sarà "Blocconove" di Michele Silva, Federico Ferfel e Léa Delbés. Miriam e Kevin vivono la loro storia d’amore. Miriam ha 20 anni ed è di origini napoletane, Kevin, 17 anni, ha il fisico da atleta, è nato a Niguarda ma dentro si sente palermitano, come tutta la sua famiglia, e ha un unico sogno: diventare calciatore. Per chi come lui è cresciuto alle Case Rosse di Niguarda, un futuro di fama e ricchezza è l’unico vero modo per andarsene a testa alta. Alla fine dell’estate Kevin è costretto a lasciare il quartiere e con l’autunno si apre un nuovo capitolo verso l’età adulta. Kevin è concentrato sul proprio obiettivo, Miriam con un percorso interiore prova a superare il suo blocco, l’ansia che le rende impossibile allontanarsi dal quartiere da sola.

Gli altri film in concorso: "One More Jump" di Emanuele Gerosa, "Il Caso Braibanti" di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese, "Fuori Tutto" di Gianluca Matarrese e "La Nostra Strada" di Pierfrancesco Li Donni.

A Salina saranno assegnati tutti gli storici premi del Festival del Documentario Narrativo: il premio Ravesi “Dal testo allo schermo” a Daniele Vicari e a Marcello Sorgi, il premio SIAE “Sguardi di Cinema” a Ficarra e Picone, il premio Irritec SDF XIV “L’età giovane delle donne” a Jasmine Trinca, il Premio Wilmar a Emma Dante.

Il programma completo è consultabile sul sito del SalinaDocFest.

PROSSIMI EVENTI