VISITE ED ESCURSIONI

HomeEventiVisite Ed Escursioni

Lo sfarzo nobiliare tra le mura della città punica: una notte nella storia di Palazzo Conte Federico

  • Palazzo Conte Federico - Palermo
  • 16 ottobre 2021 (evento concluso)
  • Dalle 17.00 alle 21.00
  • Gratuito (bambini fino a 10 anni) 10 euro
  • Prenotazioni e/o acquisto saltafila ai numeri 320 7672134 – 347 8948459 oppure alla mail eventi@terradamare.org o sul sito. Ingresso con Green Pass
Un vero e proprio viaggio nel tempo, in un luogo all’interno del quale si può rivivere la straordinaria successione di epoche della Palermo multiculturale: dall’età punica delle mura della città vecchia, il medioevo della Torre arabo normanna inglobata nel palazzo, fino ad arrivare al settecento degli affreschi di Vito D’Anna e Gaspare Serenario: stiamo parlando di Palazzo Conte Federico che apre eccezionalmente le porte sabato 16 ottobre. 

Durante le visite serali, a cura di Conte Alessandro Federico e dalla sua famiglia, che tutt’oggi abitano nel palazzo, si possono ammirare i numerosi saloni ancora arredati con mobili e quadri dell’epoca, i soffitti lignei del XV secolo, gli affreschi settecenteschi di Vito D’Anna e Gaspare Serenario, le porte dorate in oro zecchino e le varie collezioni di armi (spade, alabarde, fucili e pistole d’epoca) e ceramiche antiche. 

Il palazzo è uno dei più vecchi e prestigiosi edifici di Palermo. Ubicato tra la via dei Biscottari e la piazza Conte Federico dentro le primitive mura della città punica, è a pochi passi dal Palazzo Reale, dalla Cappella Palatina e dalla Cattedrale. Ingloba un’antica porta di accesso alla città, Porta Busuemi (dall’arabo "Bab el Soudan" Porta dei Negri). La parte più antica del palazzo è una torre arabo-normanna del XII secolo.

Denominata "Torre di Scrigno", era posta sopra le mura a difesa della città e ne costituiva anche l’accesso con la porta di Busuemi che lambiva uno dei bracci di mare che allora si inserivano nella città.

Oggi nella torre è possibile ammirare due bellissime bifore, una normanna ed una aragonese dove troviamo gli stemmi autentici della Città di Palermo, degli Svevi e degli Aragonesi che la governarono.

COSA C'È DA FARE