TEATRO & CABARET

HomeEventiTeatro & Cabaret

"Marat-Sade", tesi e antitesi a confronto: Claudio Gioè al Biondo con l'opera di Weiss

  • Traghetti 2019/2020
  • Teatro Biondo - Palermo
  • Dal 28 febbraio all'8 marzo 2020 (evento rinviato a data da destinarsi)
  • 21.00 (28, 29 febbraio e 3 marzo), 17.30 (1, 4, 5, 6, 8 marzo), 19.00 (7 marzo)
  • Da 5 a 32 euro
  • Info e biglietti al botteghino del Biondo (telefono 091 7738129) aperto da martedì a sabato ore 9.00-19.00, domenica ore 9.00-12.00 e 16.00-19.00
Balarm
La redazione

L'attore Claudio Gioè

La persecuzione e l’assassinio di Jean-Paul Marat messo in scena dalla "compagnia di pazzi" guidata dal Marchese de Sade: da qui prende le mosse il "Marat-Sade" di Peter Weiss, in scena per la nuova stagione del teatro Biondo di Palermo.

Avvalendosi della collaborazione artistica di Alfio Scuderi, a dirigere l'opera è l'attore Claudio Gioè, che interpreta in scena proprio il Marchese de Sade. Con lui sul palco un cast d'eccezione: Filippo Luna (Jean-Paul Marat), Gaia Insegna (Simonne Evrard), Valentina D'Agostino (Charlotte Corday), Fabrizio Romano (Duperret), Maurizio Bologna (Jacques Roux) e l'attrice Silvia Ajelli nei panni del Banditore. In scena anche i cantori Giulio Della Monica, Ermanno Dodaro e Raffaele Pullara.

Il testo di Weiss vede da un lato il personaggio di Marat, "marxista" ante-litteram, completamente immerso nella necessità dell’azione, un rivoluzionario puro, e dall’altro il borghese intellettuale de Sade, che rivendica l’importanza di un individualismo soggettivo e libero che anticipa le derive solipsistiche dell’intellettuale moderno.



Tesi e antitesi sono messe in scena dalla compagnia dell'ospizio di Charenton, diretta dallo stesso Sade: il manicomio diventa un luogo dove la libertà viene evocata e agita in tutta la sua forza.

Come spiega Claudio Gioè «è forse questo il testo di Weiss che più riflette sulla propria dicotomia autobiografica che lo vede autore e intellettuale a metà tra Artaud e Brecht».

«Il linguaggio scelto è esattamente a metà strada tra il teatro oggettivo di Brecht che vuole "cambiare il mondo" e le esperienze espressioniste del teatro della crudeltà di Artaud. Mi sembra che una riflessione sul senso della rivoluzione francese che provenga dal sud d’Europa oggi possa essere utile e necessaria».

Teatro Biondo

Via Roma 258 - 90133 Palermo
Vedi mappa

eventi consigliati