MOSTRE

HomeEventiMostre

"Turning the camera": istantanee intime e dal respiro universale nel progetto artistico di Paolo Pellegrin

  • Plenum – Fotografia Contemporanea, Via Vecchia Ognina 142/b - Catania
  • Dal 16 maggio al 20 giugno 2021
  • Visitabile martedì e giovedì dalle 17.00 alle 19.00. Gli altri giorni su appuntamento
  • Gratuito
  • Per vistare la mostra su appuntamento, telefonare al numero 095 435932
Balarm
La redazione

"Emma" (Sizzera, 2020) - foto di Paolo Pellegrin

Paolo Pellegrin, fotografo di reportage internazionale nato a Roma, presenta il suo ultimo lavoro dal titolo "Turning the camera", fruibile dal 16 maggio al 20 giugno presso lo spazio di Plenum Fotografia Contemporanea a Catania.

Un progetto nato dall'intuizione che quel virus si sarebbe diffuso a livello mondiale. È a quel punto che decide di stare con la sua famiglia, rivolgendo per la prima volta nella sua carriera di fotogiornalista l’obiettivo verso se stesso, sua moglie e le sue due figlie.

Gli scatti immortalano i momenti di silenzio della vita familiare e della vita campestre nelle montagne svizzere - precisamente in una fattoria dove avevano trascorso le vacanze estive l'anno prima -, dando vita ad un lavoro intimo e riflessivo, di cui una parte viene esposta nella mostra.

Da qui la riflessione di taglio sociologico e urbanistico del progetto: il lockdown ha reso manifesta una voglia quiescente dell'uomo contemporaneo di allontanarsi dalle grandi città per ritrovare se stesso e un nuovo equilibrio nella periferia, in piccoli centri di montagna o di campagna o in isole semideserte, scelta impensabile fino a un anno fa dove/quando tutto strillava città, frenesia, metropoli, megalopoli, ecc…

Istinto o scelta ponderata? Tendenza momentanea o cambiamento epocale? Spirito di sopravvivenza o decisione consapevole di chi ha colto l'importanza del momento storico per cambiare senso di marcia e dare un nuovo senso al proprio vivere quotidiano? Quale futuro per le città e le periferie? Continuerà l’antagonismo o entrambe vivranno contemporaneamente un’epoca d’oro dove la ridistribuzione della popolazione garantirà maggiore qualità della vita?
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

COSA C'È DA FARE