MOSTRE D'ARTE

HomeEventiMostre D'arte

Un viaggio alla scoperta delle invenzioni di Archimede: a Siracusa la mostra dedicata allo scienziato

  • Galleria Civica Montevergini - Siracusa
  • Dal 20 maggio al 31 dicembre 2022
  • Visitabile dal martedì al venerdì, dalle 10.00 alle 14.00, il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 17.00 alle 20.00
  • 10 euro (intero), 8 euro (gruppi di almeno 12 persone), 5 euro (residenti, scuole e ragazzi under 18), gratuito per i minori di 6 anni
  • Biglietti acquistabili sul sito "Mostra Archimede"
Balarm
La redazione

La "Leva di Archimede"

Ideata dal Museo Galileo di Firenze e curata da Giovanni Di Pasquale con la consulenza scientifica di Giuseppe Voza e Cettina Pipitone Voza, la mostra dedicata ad Archimede ha registrato finora oltre 45.000 presenze di turisti e residenti.

I visitatori sono condotti in un vero e proprio viaggio nel tempo, in una grande sala con 16 video proiettori per una visione multimediale a 360 gradi e in quattro lingue, attraverso animazioni realizzate con gli allievi dell’INDA e un articolato percorso di approfondimento, nel quale si può interagire con oltre venti modelli funzionanti di macchine che la tradizione attribuisce a Archimede: dalla vite idraulica alla vite senza fine, dagli specchi ustori ai dispositivi per sollevare ingenti carichi.

La mostra è visitabile dal 20 maggio al 31 dicembre 2022 (dal martedì al venerdì, dalle 10.00 alle 14.00, il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Il lunedì resta chiusa), presso la Galleria Civica Montevergini di Siracusa.

L’esposizione rappresenta un’occasione affascinante per conoscere da vicino una delle più geniali figure dell’intera storia dell’umanità e di immergersi nella Siracusa del terzo secolo avanti Cristo.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE