LE VIE DEI TESORI

HomeEventiLe Vie Dei Tesori

Visitare le Sorgenti del Gabriele di Palermo: il "tempio dell’acqua" sfruttato dagli Arabi

  • Le Vie dei Tesori
  • Sorgente del Gabriele - Palermo
  • 28, 29 maggio 2022
    4, 5 giugno 2022 (evento concluso)
  • Dalle ore 10.00 alle 16.30
  • 3 euro (visita singola), 10 euro (4 visite), 18 euro (10 visite)
  • Coupon acquistabili online sulla pagina dedicata alla visita. Non accessibile ai disabili. Per maggiori informazioni chiamare al numero 091 7745575 (dal lunedì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00).
Balarm
La redazione

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

Sorgenti del Gabriele

Era il "tempio dell’acqua" sfruttato dagli Arabi. Le Sorgenti del Gabriele è uno dei luoghi visitabili grazie a "Il Genio di Palermo", l'edizione primaverile de "Le Vie dei Tesori"

Un piacevole senso di frescura e il gorgoglio dell’acqua accolgono il visitatore che raggiunge le sorgenti naturali ai piedi della "conigliera", oggi gestite dall’Amap. Un luogo dall’atmosfera suggestiva, un antico "tempio dell’acqua", che ancora oggi rifornisce l’acquedotto palermitano.

Nei preziosi quaderni del marchese di Villabianca si fa risalire il nome “Gabriele” alla parola araba “Al Garbal”, che significa grotta irrigante, segno che le sorgenti erano conosciute già nel X secolo. Oltre che per usi domestici, l’acqua era impiegata dalla popolazione per alimentare il funzionamento dei mulini.

Geologicamente il sito è costituito da quattro sorgenti da contatto, nelle quali l’acqua sgorga tra le rocce per naturale deflusso. L’alimentazione della falda proviene dal massiccio Sagana-Monte Cuccio. 

Potete consultare l'elenco completo del luoghi aperti e di tutte le attività in programma (esperienze, passeggiate) sul sito web de "Le Vie dei Tesori".
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE