MUSICA

HomeNewsCulturaMusica

Da bimba trova porte chiuse, canta per riaprirle: Sonia da Palermo ora sogna Londra

Tanti cambi di rotta hanno accompagnato la sua vita fin da quando da piccola le dissero che non aveva il fisico giusto per danzare. Ora canta per il suo riscatto

Valentina Frinchi
Freelance in comunicazione e spettacolo
  • 22 ottobre 2023

Sonia La Blasca

«Mi chiesero di smettere perchè non ero così magra». Sonia La Blasca, palermitana, classe '94, si innamora della ginnastica artistica a soli 9 anni presso l'Istituo Femminile di Palermo. Le piacevano quei movimenti e sognava attraverso quei passi.

Smettere le farà male. Sonia non si sentiva "diversa", del resto come tutti i bambini del mondo. Da quella "rinuncia" forzata cambia un po' tutto.

Sonia cresce con un po' di insicurezza, si sente non troppo bella, pur avendo un bel viso accompagnato da molta dolcezza. Sonia non si accetta per via delle sue forme, quegli apparenti "chili di troppo".

In quegli anni, e precisamente a 11 anni, in quella scuola si sperimenta anche in un laboratorio di musica brasiliana al fianco del compianto Vincenzo Palermo. Insieme cantano per la prima volta in pubblico "una ninna nanna etrusca" al Teatro Politeama di Palermo.

Fu una scoperta e una rivelazione, del resto quella ragazzina stava crescendo con la musica e soprattutto con i testi di Whitney Huston.
Adv
E quindi per distoglierla dalla passione per la ginnastica artistica il padre le propone: «Perchè non frequenti il Brass?».

Studierà quindi con Flora Faja, Lucy Garsia, Rita Collura e Carmen Avellone. Quelle ore di musica durante gli studi al liceo classico «erano le piu' belle della giornata» ricorda Sonia. «Quell'ora di lezione era libertà».

E mentre pensava di diventare avvocato, ci sarà un cambio di rotta.

Presenterà domanda presso diversi conservatori italiani e inizierà a studiare canto presso quello di Ferrara. Qui arriveranno altre insicurezze ma sarà tangibile la prova che la «musica voleva me» racconta Sonia.

«Molti episodi della mia vita erano stati bloccati da quella storia interrotta della ginnastica artistica». Da grande, guardando le sue foto da bambina non vide affatto una bambina "cicciottella" ma una bambina esattamente come tutte le altre.

Anzi in una foto che la riprende insieme ad altre compagne si è rivista molto simile a loro. Il 18 settembre esce poi "Little Chubby Girl" ("piccola ragazza paffuta"), il suo singolo.

Nel suo canto c'è un desiderio di riscatto e il sentire un successo interiore per avercela fatta. Un vera dichiarazione d'amore a quella bambina che è stata.

Sonia sogna l'estero, forse Londra, una città avanti dove possano essere comprese le sue parole in inglese.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI