CRONACA

HomeNewsAttualitàCronaca

Duemila euro per una vettura usata: a chi spetta e come funziona il nuovo bonus auto

Il governo introduce un nuovo incentivo per l'acquisto di vetture usate a bassa emissione e la rottamazione delle vecchie. Quello che c'è da sapere sulla misura

Balarm
La redazione
  • 7 febbraio 2024

Buone notizie per chi ha intenzione di acquistare un'auto... anche di seconda mano. Arriva infatti il bonus auto usate 2024, il nuovo incentivo sperimentato e annunciato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy durante la presentazione dei contenuti del DPCM che definisce il programma Ecobonus auto 2024.

Il nuovo bonus auto usate consisite in un incentivo da 2.000 euro rivolto a coloro che comprano una vettura usata, rottamando contestualmente un’auto vecchia di almeno 12 mesi e di classe fino a Euro 5.

Tra i requisiti essenziali, l'auto di seconda mano acquistata deve essere almeno Euro 6 e deve avere un valore economico non superiore ai 25.000 euro, Iva esclusa e che non abbiano beneficiato di precedenti incentivi.

L'obiettivo del governo, dunque, è quello di incentivare l'acquisto di auto sì usate ma relativamente recenti e quindi ridurre la circolazione delle vetture più vecchie e inquinanti e, allo stesso tempo, aggiornare il parco auto circolante.

I bonus auto usate 2024 sono rivolti esclusivamente alle persone fisiche. Dunque non possono farne richiesta società come, ad esempio, le concessionarie o le aziende di noleggio. Tra i requisiti di accesso, non dovrebbero essere previsti criteri legati alle fasce di reddito come limiti Isee.

La misura ha un budget totale di 20 milioni di euro. Le domande saranno accettate sino a copertura dei fondi disponibili, dunque per gli interessati sarà fondamentale muoversi con una certa velocità.

Per ulteriori dettagli sulle modalità di presentazione delle domande bisogna attendere il decreto attuativo con tutte le regole da seguire.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI