PERSONAGGI

HomeMagazineLifestylePersonaggi

Giovani eccellenze siciliane nel mondo: ecco chi sono gli under 30 premiati da Forbes

Le storie dei tre giovani siciliani eletti dalla rivista Forbes tra i 100 imprenditori italiani under 30 più influenti del 2020: sono loro i prossimi leader del futuro

  • 18 marzo 2020

La copertina di Forbes Italia celebra alcuni degli Under 30 premiati nel 2020 (foto Forbes.it)

Sergio Pitrone, Giuseppe Mineo e Giulio Lo Nardo sono i tre giovani siciliani eletti dalla rivista Forbes tra i 100 imprenditori italiani under 30 più influenti del 2020, insomma i prossimi giovani leader del futuro.

Sergio, 25 anni di Messina, è il co-founder e Ceo di Icast: la prima piattaforma digitale che attraverso un semplice portale permette ai professionisti del mondo della moda di organizzare e effettuare i casting direttamente online, innovando così una consuetudine del modeling ben radicata da oltre 60 anni.

Dopo essersi trasferito nella capitale italiana della moda, Milano, e una laurea in economia e gestione aziendale, il suo percorso tutto in salita è stato frutto del concatenarsi «di tante congiunzioni astrali» dopo che, per puro caso, durante una conferenza si fa notare da un importante manager di un’azienda di moda. Sergio inizia così la prima esperienza da stagista nel mondo del fashion.

«Per ogni casting o appuntamento che organizzavo, mi rendevo sempre più conto di quanto fosse lungo, complicato e farraginoso il procedimento organizzativo che porta un brand a scegliere il volto simbolo della propria campagna pubblicitaria perché, fino ad oggi, è stato gestito solo in formato analogico, ossia tramite mail e telefono - spiega Sergio -.



Mandavo dalle 90 alle 15 mila mail per ogni casting, organizzavo l’agenda fissando gli appuntamenti via telefono ed ero costretto a stampare poi tutte le informazioni per organizzarle. Insomma era come organizzare una cena con i compagni delle medie contattando tutti uno per uno solo per telefono».

Da lì ecco che - insieme ai due soci, Marco Pino, 26 anche lui messinese, e Giulio Francesco Aiello, 29 anni di Catania - comincia ad accendersi nella testa di Sergio una lampadina: creare un unico portale online che faciliti la fase organizzativa e attraverso il quale gestire tutti i casting nella stessa città e archiviarne così lo storico.

Un progetto che ha ottenuto dalla celebre rivista dei talenti il riconoscimento per il settore "art and style" (al quale il giovane messinese ha dedicato anche la sua tesi di laurea). «Non appena ho saputo della nomina si è veramente realizzato un sogno perché, da anni, ho sempre atteso l'uscita della classifica under 30 di Forbes sperando di trovare un giorno anche il mio nome».

Lo stesso sogno che si realizza lo hanno vissuto ad occhi aperti anche altri due giovani palermitani, Giuseppe Mineo e Giulio Lo Nardo, 28 anni entrambi, soci fondatori di Pharmap: la piattaforma online per la consegna a domicilio dei farmaci, che si è aggiudicata la menzione da Forbes Italia nella categoria "Healthcare".

Anche qui il progetto di Giuseppe è nato da una sua personale esigenza: trovare un servizio di delivery che non riguardasse sempre e solo il cibo, per ovviare alla difficoltà che viveva da studente all’estero di reperire dei farmaci a domicilio, nel caso in cui stesse poco bene e impossibilitato ad uscire.

Tornato in Italia la sua esigenza si è subito trasformato in progetto messo nero su bianco. Così Giuseppe e Giulio nel settembre 2016 entrano nel mercato con il loro portale, che all’inizio contava appena 20 farmacie pilota su Milano, per ritrovarsi nel giro di due anni con ben 1500 farmacie coinvolte in tutta Italia, distribuite in 125 comuni. Oggi, grazie alla loro brillante intuizione i due imprenditori siciliani gestiscono circa 3000 consegne al giorno.

«Non ci aspettavamo questo riconoscimento, ci ha fatto immenso piacere anche perché rientra nelle cose che non ti aspetti, anche se diciamo che è un po' il sogno di qualunque giovane imprenditore – dice Giuseppe.

Facendo fede al nostro motto, che recita think local and act global, abbiamo voluto investire sul nostro territorio e, anche a costo di andare in contro a qualche difficoltà in più, abbiamo mantenuto la nostra sede operativa nella nostra città - Palermo - lasciando a Milano solo un ufficio commerciale e rappresentativo».

Anche Giuseppe e Giulio sono riusciti a scalare la vetta senza nessun aiuto esterno, ma facendo affidamento solo sulle loro forze e i loro risparmi, e adesso sono fieri di annunciare che il prossimo giugno 2020 inaugureranno un nuovo hub di circa 500 mq sempre nella loro città natale, scelta che sicuramente li farà sentire più vicini a casa.

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI