L'IDEA

HomeMagazineLifestylePersonaggi

La Dolce Vita in un sorso: un barman catanese dedica un cocktail a Federico Fellini

In occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, il barman catanese Carmelo Buda ha realizzato un drink ispirato al film "La Dolce Vita", capolavoro del 1960

  • 4 febbraio 2020

Carmelo Buda

Shakerato, non mescolato, 1 bar spoon di Chartreau e un rimmel di bucce al mandarino essiccate: ed è subito come una passeggiata sulle rive del Tevere in Vespa, quando ad un tratto si sente esclamare “Marcello, Come Here!”.

In occasione del centenario della nascita di Federico Fellini, il barman catanese Carmelo Buda ha realizzato un drink ispirato a La Dolce Vita, il celebre film del 1960: il drink si chiama “Marcello, Come Here!” ed è ispirato al film del Maestro Fellini, considerato uno dei capolavori del cinema Italiano, vincitore della Palma d'Oro al tredicesimo Festival di Cannes e del Premio Oscar per i costumi.

Una bella dedica che richiama quella della bartender palermitana Chiara Mascellaro, che invece si è ispirata in questo video alla sua nonna e alla città doi Palermo.

Carmelo Buda ha voluto rendere omaggio alla mitica Roma degli anni Sessanta che si è resa lo scenario di una pellicola in bianco e nero indimenticabile, che ha fatto dei vicoli della capitale il simbolo di una italianità unica nel mondo per la sua semplicità, oltre le mode, oltre il tempo.



Ammaliato da tanta bellezza Buda ha interpretato così il “gusto” del film del maestro Fellini: 40 ml VII Hills Italian Dry Gin, 35 ml cordiale di mandarino chiarificato, 25 ml soluzione citrica di Verdello, 1 bar spoon di Chartreau. Shakerare tutto per 20 secondi e versare all'interno di un bicchiere Old Fashioned, decorato con un rimmel di bucce al mandarino essiccate, aggiungere un cubo di ghiaccio e servire.

«Il VII Hills Italian Dry Gin con il suo tocco di ginepro rappresenta in pieno Marcello, il personaggio interpretato da Mastroianni, carismatico e affascinante, che riesce a sedurre e a conquistare la giovane Sylvia - dice Carmelo -. L’uso dello Chartreau con le sue erbe nasce immaginando una passeggiata sulle rive del Tevere in Vespa, immersi in una Roma senza tempo».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI