MOBILITÀ

HomeMagazineSocietàMobilità

La Ztl (diurna) che semina il panico a Palermo: il Comune la rivuole ma incalza la protesta

La zona a traffico limitato nel centro di Palermo era stata sospesa a seguito della emanazione dei provvedimenti anti Covid-19. Il provvedimento annunciato dal Comune sta creando malumori

Balarm
La redazione
  • 26 febbraio 2021

Il varco della Ztl di via Roma a Palermo

Il comune di Palermo ha comunicato la riattivazione della la zona diurna a traffico limitato in centro a partire dal 2 marzo (resta invece sospesa quella notturna in considerazione del perdurare dei divieti di mobilità dalle 22 alle 5 per l'attuale emergenza sanitaria legata al Covid-19).

La scelta, annunciata dal Comune, che ha seminato il panico tra residenti e soprattutto gli automobilisti e che ha già portato ad aspre reazioni di consiglieri comunali e rappresentati di movimenti cittadini.

Una scelta definita "folle e priva di logica” da Domenico Bonanno, componente della direzione regionale di Diventerà Bellissima, il quale da qualche mese ha intrapreso una vera e propria battaglia personale per la sospensione della ZTL a Palermo.

«Nonostante il momento difficile dal punto di vista sociale ed economico e nonostante la città da qualche settimana sia completamente paralizzata a causa di interruzioni e restringimenti sul viale della Regione Siciliana - dice - la premiata ditta Orlando - Catania decide di riattivare la ZTL. Una decisione assurda che contestiamo fortemente, la quale penalizza i cittadini e provocherà solo una ulteriore paralisi del traffico».



Per questo è stata inviata una nuova richiesta di proroga della sospensione al Sindaco, all’assessore alla mobilità e ai loro uffici, "con la speranza che questa venga accolta e che prevalga il buon senso”

«La scelta dell'assessore Giusto Catania di riattivare la ZTL mentre viale Regione Siciliana è nel caos più totale - dice il consigliere comunale e capogruppo della Lega Igor Gelarda -, con il restringimento del Ponte Corleone e la chiusura del tratto all'altezza di via Principe di Paternò, suona come un vero e proprio attentato alla città e ai palermitani. Costretti a vivere tutto il giorno in auto.

Senza contare - aggiunge - che la via Roma, nel tratto fuori ZTL, è ancora interessata da cantieri, come lo è via Ruggero Settimo. Inoltre, qualcuno dica a Giusto Catania che l'emergenza coronavirus è tutt'altro che rientrata, che non bisogna incoraggiare gli assembramenti neanche sugli autobus che per di più a Palermo sono
in numero ridicolo.

Solo l'assessore che è riuscito a fare diventare la città di Palermo la più trafficata d'Italia, lo afferma il Tomtom index, avrebbe potuto avere un'idea del genere. Mentre Palermo è sommersa dalla spazzatura, centinaia di bare sono accatastate al cimitero dei Rotoli, nessuno si occupa più di manutenzione delle strade, la città è in piena recessione economica e moltissime attività commerciali rischiano di non aprire più, una priorità dell'assessore Catania è la riattivazione della ZTL. Facciamo appello a Orlando, tolga Catania dalla Giunta e faccia respirare un po' la città».

Anche sui social è già "scoppiata la sommossa" di tanti cittadini che chiedono a gran voce che il provvedimento venga ritirato al momento e la sospensione della Ztl nuovamente prorogata.

Provvedimento che come dicevamo sarà in vigore dal 2 marzo. Come si legge sul sito del Comune, "Su indicazione del sindaco Leoluca Orlando e dell'Assessore alla mobilità, Giusto Catania, l'Ufficio Mobilità, d'intesa con AMAT e SISPI sta predisponendo quanto necessario per la riattivazione dei varchi e per il calcolo dei giorni di proroga dei pass di accesso che erano stati sospesi lo scorso 23 dicembre insieme con la sospensione della ZTL. La decisione è stata presa in considerazione dei risultati emersi dall'analisi dei flussi di traffico, che indicano un costante aumento dalla fine del lockdown".

Sempre il comune fornisce delle indicazioni, "Così come preannunciato, tutti i pass attivi dal giorno della sospensione della ZTL (22 dicembre 2020) saranno prorogati di validità per i giorni non goduti. In sostanza, i giorni di validità che risultavano residue a partire dal 22 dicembre saranno aggiunti alla validità a partire dal 2 marzo. In ogni caso, fra lunedì e mercoledì prossimo tutti i titolari di pass riceveranno una comunicazione da SISPI con la nuova data di scadenza.

Coloro i cui pass erano già scaduti alla data del 22 dicembre, potranno da domani fare il rinnovo o chiedere un nuovo pass, con i consueti canali, tramite il portale del Comune https://ztl.comune.palermo.it"
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI