CULTURA

HomeMagazineCultura

Al via Kals'art Winter

Balarm
La redazione
  • 19 dicembre 2005

Gli stucchi di Serpotta anche quest’anno protagonisti del Natale palermitano con la nuova edizione di Kals’art Winter, rassegna culturale organizzata dal Comune di Palermo. Una manifestazione che coinvolgerà, come ormai di consueto, il quartiere arabo della Kalsa, ma non solo, e durante la quale verranno valorizzate le tradizioni artigianali, luminaristiche, musicali e gastronomiche della città. Il 2006 sarà l’anno in cui ricorrerà il 350° anniversario della nascita del celebre scultore palermitano. Per l’occasione, fino all'8 gennaio verrà riproposto, in collaborazione con l'associazione Amici dei musei siciliani, un itineraio artistico che tocca ventitre tra chiese e oratori che custodiscono statue, "teatrini", altari e colonne dell’artista barocco. Davanti al Teatro Politeama Garibaldi, accanto all’albero di Natale, è stata allestita un'installazione d'ispirazione serpottiana. Un’altra opera che trae spunto da Sepotta sarà invece esposta a piazza Kalsa. Le "Luci d'autore", realizzate da alcuni tra i migliori designer italiani in occasione del Kals'art estivo, abbelliranno, invece, gli spazi del Giardino della Zisa, il complesso di Sant'Anna, Villa Giulia, il Nuovo Montevergini, il prato del Foro Italico e l'atrio di palazzo Bonagia. Le luminarie natalizie sono state realizzate dalle storiche famiglie degli artigiani palermitani, i maestri Pumo, Ribaudo e Riolo, che decoreranno tante strade e piazze, selezionate in base a un accordo coi commercianti, oltre alle già sperimentate luci ispirate ai putti di Serpotta. Sempre alla Kalsa sono stati preparati dalle associazioni degli artigiani dieci carrettini artistici, progettati dall'architetto Italo Rota, che faranno il giro del quartiere e dai quali saranno venduti oggetti dell'artigianato e prodotti della tipica gastronomia palermitana, il famoso "cibo da strada": panelle, crocché, pane con la milza, frittola, sfincione. Nell'ex chiesa di San Mattia al Noviziato dei Crociferi, in via Torremuzza, sarà allestita una mostra dell'artigianato locale di qualità.

Adv
Sul versante degli eventi musicali e teatrali, in occasione delle festività prende il via anche Kals'art live. In collaborazione con Egea, la casa discografica di Perugia, il Comune ha realizzato un cd intitolato “Musica tra contemporaneità e tradizione negli oratori serpottiani” e registrato all'interno di sette oratori in cui sono presenti opere del grande scultore settecentesco. I brani sono affidati ad artisti siciliani e ad alcuni protagonisti della scena musicale nazionale. Per il teatro, è previsto un cartellone, proposto da AssoTeatri, con commedie e spettacoli legati al Natale, ad opera di autori e attori palermitani. Il programma comprende, tra dicembre e gennaio, spettacoli con biglietto unico al costo di tre euro. Gli abitanti delle periferie potranno assistere agli spettacoli in teatri come Orione, Zappalà, Crystal, Lelio, Convento. Al Teatro Ditirammu, in via Torremuzza 6, la compagnia Ditirammu, porterà in scena dal 25 al 30 dicembre, "Ninnarò, il Presepe raccontato". Diversi gli appuntamenti musicali per la notte di San Silvestro. A piazza Castelnuovo si esibirà Ron, al Giardino della Zisa suoneranno i Tinturia. Concerto ska a piazza Sant'Anna, mentre le sonorità rock del gruppo La camera migliore riempiranno l'atrio di palazzo Bonagia. Per tutta la notte, inoltre tutta la Kalsa ospiterà un gruppo di artisti di strada. "Le scelte che abbiamo fatto - ha detto il sindaco di Palermo, Diego Cammarata - sono perfettamente in linea con la decisione di garantire alla città un'atmosfera di festa, utilizzando, però, con grande oculatezza le risorse finanziarie a nostra disposizione. Sono convinto, infatti, che proprio a Natale non si debbano dimenticare i più deboli ed i meno fortunati, e che occorra garantire sempre, per i concittadini più bisognosi, il sostegno e le risorse necessarie ad assicurare anche a loro un Natale sereno". Nel giorno dell'Epifania, inoltre, il primo cittadino si recherà nelle comunità alloggio della città, portando regali per i bambini ospitati nelle strutture.
da.s.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI