Teatro

HomeMagazineCulturaTeatro

Colpevole, un giallo a Villa Adriana

Gli spettatori, accompagnati dal commissario D'Anna che dirige le indagini, entreranno nella scena dei delitti e lì assisteranno agli ultimi momenti di vita del carabiniere omicida/suicida

Balarm
La redazione
  • 29 ottobre 2003

La Gazzetta di Palermo, quotidiano immaginario locale, porta in prima la notizia di un triplice omicidio perpetrato da un carabiniere suicidatosi in un secondo momento. Con questo prologo, su una finta pagina di quotidiano, un giornalista racconta “Colpevole”, lo spettacolo teatrale (per 4 spettatori alla volta) ideato da Lucio Garau e prodotto da Sintesi Cultura con il contributo dell'Assessorato Regionale ai Beni Culturali, Ambientali e alla Pubblica Istruzione, che andrà in scena il 30 e 31 ottobre dalle 16 alle 22.30 a Villa Adriana, in viale Strasburgo a Palermo. Uno spettacolo originale (dura soltanto 10 minuti) su testo di Luigi Bernardi che illustra il triplice omicidio (vittime la moglie, la figlia e il genero), accaduto nell'abitazione della famiglia a Villa Adriana, che per la prima volta è stata concessa dalle Suore Francescane per la realizzazione di uno spettacolo.

Gli spettatori, accompagnati dal commissario D'Anna che dirige le indagini, entreranno nella scena dei delitti e lì assisteranno agli ultimi momenti di vita del carabiniere omicida/suicida così come li immagina il commissario stesso. In pochi minuti il pubblico avrà modo di farsi un'idea dell'accaduto le cui motivazioni restano però non chiare. Neanche il finale riuscirà a chiarire quale delle tante ipotesi sia quella vera. «Gli spettatori – spiega Luigi Bernardi – vedranno tutti e quattro la scena principale che dura circa cinque minuti. Poi passeranno in un’altra stanza dove ognuno vedrà in video un finale diverso della stessa storia». I finali infatti sono quattro realizzati in video da Lucio Garau e Marco Battaglia. Ognuno di essi riprende il punto di vista di ciascuno dei quattro personaggi ed ogni spettatore ne vedrà soltanto uno venendo a conoscenza quindi solo di una verità parziale. Per regolare l'accesso del pubblico è consigliata la prenotazione ai numeri 091.6112100 e 320.4024554. Il biglietto costa 3 euro.

ARTICOLI RECENTI