SPETTACOLI

HomeMagazineCultura

Quando la Sicilia è "Stra-Buttanissima": politica e ironia in scena con Salvo Piparo

Salvo Piparo, Costanza Licata e Nicola Argento in scena con uno sberleffo alla politica siciliana che parte dagli atteggiamenti quotidiani fino ad arrivare al mal governo

Caterina Damiano
Giornalista e Coordinatrice di redazione di Balarm
  • 8 marzo 2018

Salvo Piparo in scena

Analizzare con attenzione i problemi della politica siciliana senza rinunciare alla possibilità di riderci su è l'obiettivo dello spettacolo "Stra-Buttanissima Sicilia", in scena al Teatro Biondo di Palermo mercoledì 28 e giovedì 29 marzo alle ore 21 e al Must Musco Teatro di Catania sabato 7 e domenica 8 aprile.

PROMO BALARM. La Compagnia di Salvo Piparo in collaborazione esclusiva con Balarm offre ai suoi lettori la possibilità di assistere a entrambe le repliche di Palermo, con uno sconto di quasi il 50% sul costo intero del biglietto, solo 10 euro invece che 18 per la platea e i palchi numerati.

Per ottenere lo sconto sui 30 biglietti disponibili è necessario inviare una email all'indirizzo redazione@balarm.it, entro le ore 13.00 di mercoledì 28 marzo, con oggetto "PROMO STRA-BUTTANISSIMA SICILIA". All'interno della mail devono essere riportati i nomi e cognomi (quindi anche più persone) di coloro che desiderano lo sconto.

La redazione di Balarm provvederà immediatamente a inviare una mail di conferma con tutte le indicazioni necessarie per acquistare immediatamente i biglietti scontati sin da subito al botteghino del Teatro Biondo.

Lo spettacolo è un aggiornamento di "Buttanissima Sicilia", adattamento teatrale di successo basato sull'omonimo libro di Pietrangelo Buttafuoco che ha fatto scalpore per le sue accuse radicali a diverse figure politiche e che copre il periodo di tempo che da dall'autonomia al governo di Rosario Crocetta.

Un aggiornamento, sì, perché stavolta non si basa soltanto sui testi di Pietrangelo Buttafuoco ma anche su quelli di Salvo Piparo, di Giuseppe Sottile e Salvo Licata snodandosi in un crescendo di satira feroce che parte da "Totò vasa vasa" (l'ex governatore della Sicilia Salvatore Cuffaro) passa per il Saro a cui piace il bello (Crocetta, appunto) e arriva, adesso, anche a Nello (Musumeci), il presidente del cambiamento.

Sul palco Salvo Piparo, Costanza Licata e il puparo Nicola Argento accompagnano lo spettatore in un mondo di contrasti. Perché sì, il cambiamento c'è stato dato che da "Buttanissima" la Sicilia è diventata "Stra-Buttanissima" ed è magistralmente interpretata dalla Licata: suadente e virginea, provocante e rassegnata, lasciva e santa. Contradditoria, insomma, come tutte le cose siciliane.

«In linea di massima - dice Salvo Piparo - lo spettacolo è uno sberleffo alla politica siciliana che racconta quale altra rovina è capitata alla Sicilia. Ma attenzione: non è solo un discorso sulla politica, ma anche e soprattutto sulla società civile. Ci piace definirci società civile, sono due belle parole, ma qui in Sicilia contengono tutte le contraddizioni del caso».

«Partiamo dalle viscere, dai comportamenti propri del popolo, che si trova nelle taverne, negli atteggiamenti di ogni giorno, in quei momenti in cui l'educazione civica viene messa da parte e dimenticata. Ci prendiamo gioco del linguaggio dei gest, dei detti e dei non detti: tutta la prima parte è a tutti gli effetti dedicata ai siciliani».

Da "Buttanissima" a "Stra-Buttanissima" è un attimo fatto di lunghi e reiterati atteggiamenti incivili: lo spettacolo, coordinato da Antonio Raffaele Addamo e diretto da Giuseppe Sottile del Basto, racconta proprio questo e parte dalla "mezza mafia" quotidiana e domestica per poi arrivare alla mafia, alla mala giustizia e al mal governo.

Le "cose di Sicilia" sono protagoniste assolute dello spettacolo, incrociando passato, presente e futuro in una maratona di racconti accompagnati dalle composizioni originali di Ruggiero Mascellino eseguite dallo stesso Mascellino (pianoforte e fisarmonica) e da Massimo Patti (contrabbasso). «Due sicari jazz - dice ancora Piparo - che fanno da contraltare alle situazioni raccontate, sottolineandone con la loro musica la gravità o i paradossi».

«"Stra-Buttanissima" vuole essere una forte satira sulle ombre. Diciamo spesso che il sole contraddistingue l'Isola, e invece no, forse le vere protagoniste sono le ombre: quelle del passato, quelle sui forestali, sui provinciali, sulla gestione dei migranti, sui gabinettisti. Persino le ombre del "Gattopardo"», conclude Piparo.

I biglietti al teatro Biondo di Palermo hanno un costo di 18 euro (intero) e 16 euro (ridotto carte sconti e cral) per platea e palchi e di 12 euro (intero) e 10 euro (ridotto) in galleria. È possibile acquistare i biglietti online oppure al botteghino del teatro (da martedì a sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 e la domenica dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19). Per info telefonare ai numeri 328.8663774 o 091.7434341.

Per quanto riguarda lo spettacolo al Must - Musco Teatro di Catania il costo dei biglietti è invece di 16.50 euro (intero) e 13.50 euro (ridotto). Per informazioni è possibile telefonare al numero 095.2289426 o mandare un messaggio (sms o whatsapp) al numero 328.8663774.

articoli recenti