STORIE

HomeMagazineSocietàStorie

Torna in Sicilia, ha il posto fisso ma lo lascia: chi è la 36enne che fa il lavoro dei suoi sogni

Dopo 12 anni lascia Milano, per far rientro a Santa Teresa di Riva, dopo avere costruito un background decisamente "nordico". Vi raccontiamo la sua storia

Valentina Frinchi
Freelance in comunicazione e spettacolo
  • 10 gennaio 2023

Emanuela Caminiti

Questa è una storia di un ritorno in Sicilia. È la storia di una donna siciliana che vive Milano per gli studi. Lei è Emanuela Caminiti laureata all'Università commerciale "Bocconi" di Milano in Economia Aziendale e specialistica in management.

Un titolo che le consentirà di inserirsi in quella città dove tutto è possibile, specialmente nel mondo del marketing con brand di moda e accessori del calibro di Louis Vuitton, Valentino, Zegna, Oviesse. Ma, essendo un'isolana, risente fortemente della lontanza del mare, della sua gente, di 1000 kilometri di distanza, di quella costa del messinese che per lei è ossigeno e vita.

Dopo 12 anni al Nord, abbandona la gran Milano, per far rientro a Santa Teresa di Riva, dopo avere costruito un background decisamente tutto "nordico". In Sicilia troverà occupazione nel settore bancario e tutta quella conoscenza nel settore del marketing con una componente creativa molto forte rimarrà conservata e ferma nella sua testa ma non applicata, almeno fino a un preciso momento.
Adv
In realtà dentro l'anima di Emanuela c'era sempre stata, la passione per la scrittura, pittura, disegno. Una vera e propria vocazione lasciata per anni in un cassetto chiuso a chiave.

Il "posto fisso" in Banca nella sua terra, per un paradosso, le darà conforto per fare quel passo nel buio che desiderava tanto. Il mondo bancario siciliano verrà vissuto da Emanuela come un grande scarto.

Destabilizzata, quindi, decide di lasciare il certo per l'incerto per creare una start- up di creazioni luxury: sarà il suo brand di gioielli realizzati in argilla polimerica dal disegno, all'impasto, alla cottura e arricchiti dallo smalto finale.

Accessori quindi che la rappresentano nella forma e nei colori dove primeggia il rosso fuoco che si ispira all'amore e alla natura, contornati da una perla scaramazza, piuttosto che un cuore o addirittura un bottone.

L'argilla lavorata, dipinta, e smaltata crea un effetto vetrificato dando all'oggetto realizzato un aspetto fragile ma solo apparentemente e nello stesso tempo inimitabile.

Oggetti dettati da un'unicità spesso pensati a quattro mani con il cliente. Clienti che spesso corrispondono a donne siciliane, e non solo, dai 35 anni in su, attente all'originalità e all'artigianato di un certo tipo, al vintage.

Vince l'handmade e l'impossibilità di trovare un oggetto identico a quello acquistato con il Brand "Ela C Atelier". In questa maniera marketing e creatività si sono intrecciati e convivono nella nuova vita desiderata da Emanuela Caminiti. In Sicilia, Emanuela diventa mamma.

È contenta di avere dato alla luce il primo figlio nella sua terra ed è soddisfatta di potergli trasmettere un messaggio importante, quello di una mamma e di una donna che non si è accontentata con degli standard prestabiliti ma che è esempio di chi vuole a tutti i costi fare uscire il meglio di sè con una vita e un'idea nuova. Vince l'entusiasmo quindi, e la voglia di fare.

Le creazioni di Emanuela si trovano già in vetrine prestigiose tra Taormina e Palermo con uno step a breve termine: creare un canale di distribuzione in tutti i negozi che ne faranno richiesta.

"Creare" oggi è saper spalmare il tempo nella gestione della creatività, e- commerce, comunicazione, e le nuove "vetrine" che offrono i social. Un brand che è espressione al 100% della sua ideatrice.

Emanuela Caminiti, da buona marketing manager si è appena rimessa in gioco e già raccoglie i suoi frutti. Insegna infatti presso un corso di modellazione argilla "Maneggiare con cura" di Letojanni con un workshop che prende il nome di "Crea il tuo gioiello in argilla polimerica".

Un modo unico per imparare a realizzare un gioiello con le proprie mani da regalare o da portare a casa.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI