DESIGN

HomeMagazineCultura

Un pezzo di Sicilia a Milano: tra design e curiosità il Salone internazionale del Mobile

Il Salone del Mobile è il più importante punto d'incontro, a livello mondiale, per architetti e designer: la prima edizione di questa fiera risale al 1961

Sofia Li Pira
Contemporary Art Lover
  • 18 aprile 2018

Ingresso - Salone del Mobile di Milano

Salone del Mobile, Fuorisalone, Brera Design District, Ventura Centrale, Cinque Vie, Zona Tortona, BASE. Ci si muove tra inaugurazioni, mostre in spazi più o meno convenzionali, concept stores, e bar storici che in questi giorni da colazione a cena diventano frequentati luoghi d’incontro per designers, giornalisti, artisti e un numeroso ed eterogeneo pubblico di semplici avventori di una delle settimane più mondane della vita milanese.

Anche quest’anno la creatività siciliana è molto ben rappresentata: dal Salone Internazionale del Mobile, agli eventi collaterali, e “fuorisalone”, spiccano alcuni nomi e volti noti ed emergenti del design “made in Sicily”.

Nelle sale della Fiera di Rho ecco il progetto “Relics”, una collezione di sculture in cemento realizzata dagli studenti dell’Accademia di Design “Made Program” di Siracusa prodotta da Forma&Cemento con la direzione dell’architetto siracusano Francesco Moncada insieme a Mafalda Rangel.



Alcuni sembrano totem, altri sculture che sfidano la forza di gravità mostrando le qualità di un materiale sorprendentemente duttile.

Ma se al Salone sono in mostra le migliori soluzioni per l’abitare dei più celebri brand, è sicuramente nel salone off che si esprime il meglio della creatività del design contemporaneo.

Cominciando dal Brera Design District, il cuore del distretto che l’agenzia milanese Studiolabo anima da anni con accenti in continua evoluzione.

Qui al numero 1 di via Palermo si trova il Brera Design Apartment allestito per mostrare le diverse modalità di interpretazione dello spazio attraverso un percorso armonico tra le stanze, dalla cucina al living, al bagno, che mette in luce design e alto artigianato.

L’edizione di quest’anno è curata da Raffaella Guidobono, designer milanese e palermitana d’adozione, Raffaella ha scelto Palermo come quartier generale dei brand di design da lei creati (Sour e Leftover) nello studio atelier all’interno di uno splendido palazzo cinquecentesco nel cuore di Palermo.

Per il fuorisalone di quest’anno la curatrice ha chiesto a dodici designer la progettazione di un pezzo speciale per la prima collezione "Milano Souvenir" che assume la città come simbolo.

In mostra le creazione di alcuni tra i nomi più noti del design italiano come Giulio Iacchetti, Gio Tirotto, Giulio Iacchetti, Stories of Italy accanto agli astri nascenti del panorama attuale come Sara Ricciardi, Astrid Luglio Maddalena Selvini e Aliita.

Al progetto partecipano anche le designer palermitane di Insula, Federica Tutino, Annalisa Valoroso e Bruna Cattano che nell’ultimo giorno di apertura dell’apartment presenteranno in anteprima la loro collezione di souvenir dedicati al capoluogo siciliano, in una linea ideale che da nord a sud unisce unisce l’isola al continente.

Ed ancora Sicilia con le luminarie di Domenico Pellegrino. L’artista palermitano, noto per le sua ricerca artistica legata all’isola e alle tradizioni popolari siciliane presenta per il brand taiwanese di alto artigianato Acera una nuova istallazione luminosa dedicata a XIQU di Liven, una delle finissime ceramiche del marchio.

Un “mash up” di differenti culture e suggestioni visive contraddistingue questa nuova collaborazione dell’artista che sarà celebrata anche con un party-evento sicuramente tra i più “colorati” del calendario del fuorisalone.

ARTICOLI RECENTI