FIERE E SAGRE

HomeEventiFiere E Sagre

A Castronovo c'è la sagra della "Truscitedda": un week end di degustazioni e show cooking

  • Vari luoghi - Castronovo di Sicilia (Pa)
  • Dal 1 al 3 luglio 2022 (evento concluso)
  • Dalle 9.00
  • Gratuito
  • Per informazioni e prenotazioni chiamare il numero 339 5098163 (Francesco Scaglione)
Balarm
La redazione

Castronovo di Sicilia

Torna la Sagra della “Truscitedda” di Castronovo di Sicilia, un lungo week end dove il territorio e le eccellenze gastronomiche saranno i veri protagonisti.

La “Truscitedda”, arrivata alla XV edizione, prende il nome dal fagotto (truscia) con il quale in passato i contadini portavano nei campi i prodotti locali da consumare nelle dure giornate di lavoro.

Formaggi (Tuma persa, Fior di Garofalo, caciotte sicane, Pecorino Dop, ecc.), olio extravergine di oliva Dop, carne, salumi, pane, ‘nfriulata, cudduruna e i dolci, tra cui con i gustosi pastizzuotti e le taralle, sono queste una parte delle prelibatezze che faranno da corollario alla kermesse castronovese.

Questa è la terra anche delle deliziose pere Coscia e delle pesche settembrine, insomma, una comunità ricolma di preziosità alimentare al punto di non temere alcun rivale.

Durante la tre giorni si potranno degustare le pietanze della tradizione gastronomica castronovese e effettuare diversi tour con visite guidate alla monumentalità del borgo (chiese, palazzi e conventi), ammirare le produzioni dell'artigianato locale, partecipare a convegni e spettacoli e fruire di escursioni nel territorio dei Monti Sicani.

Saranno presenti il gruppo musicale degli Ottoni Volanti e il cabarettista Stefano Piazza. Attesissimo è anche lo showcoking dello chef pasticcere Giuseppe Sparacello che si cimenterà in alcune prelibatezze frammiste di pere e formaggio.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE