MOSTRE D'ARTE

HomeEventiMostre D'arte

"Contest Foreste": la mostra collettiva visitabile a Santo Stefano di Camastra

  • Palazzo Trabia - Santo Stefano di Camastra (Me)
  • Dal 21 maggio al 12 giugno 2022 (evento concluso)
  • Visitabile dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00
  • Gratuito
Balarm
La redazione

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

"Feticcio" di Eleonora Monguzzi

Il Mudis, museo della ceramica, a Palazzo Trabia presso Santo Stefano di Camastra, ospita la mostra d’arte contemporanea "Contest Foreste", dal 21 maggio al 12 giugno 2022 (tutti i giorni, tranne il lunedì, dal 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00). 

Il progetto è finalizzato a fare ricerca della creatività e promozione dell’arte contemporanea attraverso artisti ispirati e contaminati da telematiche ambientali. 

Si vuole stimolare, attraverso il linguaggio universale dell’arte la riflessione sulle urgenze delle problematiche ambientali che affliggono il pianeta. 

Si intende cosi creare una relazione tra il mondo dell’arte e quello della comunicazione, con una particolare attenzione al tema della sensibilizzazione. 

I temi del contest sui quali gli artisti sono invitati ad esprimersi sono: Foresta violentata e Foresta allegorica.

Gli artisti sono Alex Barbanti, Agata Nereide, Livio Billo, Giulia Colombo, Ivana Di Pisa, Aurora Basile, Annabella Dugo, Maria Grazia Tarulli, Maria Lo Duca, Paolo Manzari, Eleonora Monguzzi, Simonetta Rossetti, Dimitri Gazziero, Manuela Pederzolli, Angelo Franco, Luisa Valenzano, Antonio Palazzo, Maurizio Mafucci, Bianca Arnold, Paola Cenati, Patrizia Ferrara, Peppe Miglionico, Antonella Orlando, Carla Marcella Righi, Valentina Diena, Antonella Ciceri, Antonella Brillante e Angela Santomassimo.
Se vuoi essere informato su altri eventi come questo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

COSA C'È DA FARE